Archivi categoria: No profit

PROGETTO PROKOFIEV A PIOVE DI SACCO (PD)

L’Accademia svolge programmi di formazione in diversi Istituti Scolastici con il “Progetto Prokofiev”, studiato appositamente per allievi delle scuole elementari e medie. Questo progetto ha finalità socio-culturali e uno degli obiettivi è lo scambio di conoscenze tra studenti italiani e stranieri per una reale integrazione in ambito internazionale.

Da diversi anni l’Accademia collabora in convenzione con gli Istituti Comprensivi Statali I e II di Piove di Sacco, con l’Istituto Comprensivo Statale di Albignasego e con l’Istituto Comprensivo Statale di Codevigo.

 

Diventa volontario

L'associazione organizza un corso di formazione tenuto dalle dott.sse psicologhe Anna Luisa Mariggiò e Chiara Vitalone, aperto sia alle volontarie già operative che alle persone che desiderano entrare nel mondo del volontariato.

Il corso si compone di 5 incontri che si terranno dalle ore 16:30 alle ore 18:00 nella sede dell'associazione.

Audizioni Anno Accademio 2019/2020

CHI SIAMO
Accademia di Musical e Spettacolo di Padova, nata nella primavera del 2012 con la volontà di proporre un percorso formativo professionalizzante dedicato alle arti sceniche e performative. Ad oggi resta l'unica Accademia in Italia che garantisce alla fine del percorso di studi un diploma riconosciuto a livello nazionale ed internazionale, qualificando gli allievi come Tecnici delle Arti Sceniche e Performative.

COME ACCEDERE ALLE AUDIZIONI

La prima sessione di audizioni per l’anno accademico 2019/2020 si terranno nei mesi di Gennaio e Febbraio.Tutti i candidati dovranno sostenere tre prove:
1 - Prova di danza. Verrà insegnata al momento una coreografia per valutare non solo il potenziale di base e la tecnica ma anche e soprattutto per valutare la velocità di apprendimento del candidata.
2- Prova di canto. Ciascun candidato deve preparare un brano in italiano e uno in inglese (preferibilmente tratto da repertorio musical, ma non è obbligatorio).
3- Prova di recitazione. Ciascun candidato è invitato a preparare un paio di monologhi (non troppo lunghi, uno comico e uno drammatico).
Le votazioni assegnate andranno a formare una graduatoria di accesso all'accademia per l'anno scolastico 2019/2020.

Per l'occasione, sarà necessario presentarsi muniti di curriculum e di foto in primo piano, oltre che, naturalmente, di un abbigliamento comodo e consono alle lezioni di danza.


... Il sogno di stare sul palcoscenico può realizzarsi solo con lo studio, la fatica, l’impegno e la voglia di farcela. La Dreaming Academy crede nella possibilità di raggiungere questo traguardo e si rivolge a tutte quelle persone che non hanno paura di inseguire i propri sogni e soprattutto di concretizzarli!

Bando Audizione per Cast Artistico/Animazione Estate 2019

Cercano:
BALLERINI/E, CANTANTI, PERFORMERS, COREOGRAFI/E
per la stagione estiva 2019.

PERIODO DI LAVORO: da inizio giugno a metà settembre (con possibili arrivi fino a metà giugno e partenze a fine agosto)

Richiesta la MAGGIORE ETA'.

Si offrono CONTRATTI DA DIPENDENTI A TEMPO DETERMINATO con retribuzione mensile, vitto e alloggio.

NUOVA DATA AUDIZIONI!!

Quando?
17 FEBBRAIO 2019 dalle ore 11.30

Dove?
Presso la DREAMING ACADEMY, via Montà 75 a Padova

ORARI:
dalle ore 11.30 alle ore 12.00 accettazione
dalle ore 12.00 alle ore 12.30 prova di danza
dalle ore 12.30 in poi call backs singoli

Una via intestata ad Ezzelino III da Romano, la richiesta fatta al Comune di Padova

Per le cronache della seconda metà del XIII secolo - che saranno la linfa di tutta la futura letteratura sul da Romano - egli fu solo furente e crudele tiranno assetato di sangue, ingegnoso e gaudente nello sperimentare torture sempre nuove sui suoi nemici, irremovibile nelle sue nefaste decisioni di morte. Ma Ezzelino naturalmente non fu solo questo. 

Solo di recente la storiografia si è impegnata in un approfondimento delle vicende relative al sistema di governo instaurato da Ezzelino all’interno delle città a lui soggette.

Tradizionalmente gli storici avevano proposto un’immagine semplicemente (per non dire semplicisticamente) ‘tirannica’ del da Romano, sulla scorta di uno stereotipo risalente, in pratica, direttamente al Medioevo. Poco ci si era soffermati sul grande ed originale disegno di Ezzelino ossia sul tentativo superare il particolarismo politico e territoriale delle singole realtà cittadine a favore di un organismo più ampio, complesso ed articolato, tendenzialmente su base regionale, anticipando di quasi due secoli le esperienze signorili toscane o lombarde.

Da qui è nata l’idea dell’Associazione Culturale Ghost Hunter Padova(iscritta nel registro delle Associazioni del Comune di Padova), guidata da costanza ed impegno e sostenuta da una raccolta di moltissime firme da parte dei padovani a chiedere al Comune di Padova, di intitolare una via della città ad Ezzelino III° da Romano. 
Crediamo sia giusto dar luce ad un personaggio, denigrato dalla storia, che ha contribuito allo sviluppo urbano e culturale di Padova e di gran parte del Veneto. Attendiamo fiduciosi la risposta, speriamo positiva, da parte degli uffici preposti e dell’amministrazione comunale.

Alice è una rosa blu

La Compagnia teatrale MIRIGUARDA è formata da un gruppo al femminile che ha seguito un percorso teatrale con l’attore e regista Vasco Mirandola, e che, nel corso del tempo, ha affinato una particolare sensibilità su tematiche sociali quali alterità e diversità.

Attualmente sette sono le attrici che la compongono: Ilaria Bocola, Carla Comessatti, Paola Marciante, Emanuela Pastore, Daniela Simoni, Floriana Tosato, Tiziana Zanetto.

In "Alice è una rosa blu" è stata presa a pretesto la storia di Alice nel Paese delle Meraviglie. E se al posto di una bambina un po’ viziata, supponente, anche un po’ antipatica, votata al ragionamento e alle regole, che per una sorta di magia si trova in un mondo sconclusionato che prende a pugni la logica, ci fosse un “ disabile ” un “ diversamente abile ” un “ diverso ”?

Come vivrebbe questo “ paese delle meraviglie” che chiamiamo “normale”? Non è un mondo rovesciato quello in cui viviamo? Questo decantato “paese delle meraviglie” fatto di apparenze, in cui non siamo più tanto a nostro agio, non è che ha bisogno di altri sguardi, altri pensieri per guarire un po’ ? Non farebbe bene un po’ a tutti smettere di correre, e prendersi più cura di sè e degli altri ?

Il mondo corre veloce, pieno di stimoli, sollecitazioni. Siamo continuamente bombardati da suoni, immagini, parole, consigli… difficile stare al passo. Per capire come e dove siamo finiti, abbiamo sentito l’esigenza di “scendere” un attimo, prenderci una pausa, stare un un po’ in silenzio, in ascolto, cambiare punto di vista, camminare nelle scarpe di quelli che rimangono indietro, provare altri luoghi da cui guardare il mondo.