Archivi tag: #autori

Premio letterario Energheia per autori e fumettisti

Sono aperte le iscrizioni alla 25° edizione del Premio letterario Energheia, un concorso rivolto agli autori di fumetti.

Il concorso

Il Premio letterario Energheia, arrivato alla sua 24° edizione, è bandito dall’Associazione Culturale Energheia.

Si tratta di un concorso per storie a fumetti e si articola in diverse sezioni:

  • Premio letterario Energheia per racconti brevi, per un massimo di 15 pagine, a tema libero e rivolto a due fasce di età (giovani dai 15 ai 21 anni e adulti oltre i 22 anni);
  • Premio I brevissimi “Domenico Bia” per racconti brevissimi, per un massimo di 4000 battute, spazi inclusi, rivolto a tutti, senza distinzione di età, sul tema “Il verde”, uno dei sette colori dell’iride;
  • Premio Energheia Cinema, un soggetto per un cortometraggio, per un massimo di 4000 battute, spazi inclusi, rivolto a tutti, senza distinzione di età e a tema libero;
  • Nuvole di Energhei per storie a fumetti, a tema libero, per un massimo di 10 tavole usando qualsiasi tecnica manuale, è rivolto ai giovani dai 15 ai 21 anni e a coloro che hanno oltre i 22 anni.

Le candidature alle diverse sezioni del concorso vanno presentate entro il 5 giugno 2019.

Per informazioni

Associazione Culturale Energheia
Segreteria del Premio – Via Lucana,79 – 75100 Matera
Tel.: 3471286099
Mail: energheia@energheia.org
Facebook

Philipp Winkler – Hool

Giovedì 10 maggio alle 18:30, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova ospita Philipp Winkler per la presentazione del suo romanzo d’esordio, “Hool” (66thand2nd).

L’appuntamento si svolgerà presso la libreria Zabarella. L’ingresso è libero e gratuito.

La presentazione anticipa la nuova edizione della rassegna “Da giovani promesse…“, festival letterario dedicato alla giovane narrativa italiana e internazionale, che si svolgerà a Padova dal 16 maggio al 1 giugno.

Il libro

Heiko è in auto con un gruppo di amici, stanno andando a un «match». L’appuntamento è in un parcheggio di periferia. Uno tira fuori della coca, altri straparlano per scaricare la tensione. Il match non è una partita di calcio, ma uno scontro con gli hooligans del Colonia.

Alle partite ormai non ci si può più menare come una volta: troppa polizia, tutte quelle telecamere a circuito chiuso. Le regole tra veri uomini sono chiare: niente armi, niente accanimento su chi crolla a terra, a meno che non si rialzi da solo. Per il resto picchiare duro, fino a massacrare.

Ma al di fuori delle risse, questi hooligans sono un branco di sfigati. La vita li bastona tutti i giorni, molto più forte degli avversari, relegandoli in esistenze marginali, senza orizzonti. Lo sport è solo secondario, un pretesto per sfogare la rabbia, l’espressione di una mascolinità tossica.

Hool è un romanzo di formazione dallo stile veloce, incisivo, in cui alla narrazione principale si alternano rapidi flashback che lasciano emergere il passato del protagonista. Il risultato è un caleidoscopio di brevi schegge incalzanti, sorrette da una lingua senza compromessi, bella in quanto materia cruda e viva.

L’autore

Philipp Winkler è nato in Germania nel 1986. Con “Hool”, il suo primo romanzo, accolto con entusiasmo da pubblico e critica, è stato finalista al Deutscher Buchpreis, il più importante premio letterario tedesco.

 

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
Via Altinate, 71 – 35121 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Stefano Raimondi – Il cane di Giacometti

L’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova ospita Stefano Raimondi per un doppio appuntamento dedicato alla poesia.

Martedì 27 marzo alle 18:00, Raimondi presenta il suo nuovo libro, “Il cane di Giacometti” (Marcos y Marcos), in dialogo con Martina Daraio. L’appuntamento, a ingresso libero e gratuito, si svolge presso lo Spazio 35, al piano terra del Centro Culturale Altinate San Gaetano.

Mercoledì 28 marzo, invece, incontra gli studenti delle scuole superiori di Padova nella mattinata dedicata alla restituzione del Viaggio della Memoria con una lezione dal titolo “La poesia nonostante tutto e il tutto: la poesia al tempo di Auschwitz come testimonianza e come sopravvivenza“. Per gli studenti sarà l’occasione di riflettere sull’esperienza da poco conclusa e di presentare la loro testimonianza ai compagni che non hanno potuto partecipare al Viaggio.

Il libro

“Da principio scelto come segno di miseria e solitudine, il cane mi pare disegnato adesso come spettro armonico, la linea della schiena che risponde alla linea delle zampe, spettro che sa essere l’esaltazione suprema della solitudine”: così Alberto Giacometti diceva a Jean Genet, visitatore del suo atelier, nei primi anni Cinquanta.

E l’oscillazione tra solitudine, miseria e armonia, tra luce, stella, tremore e senso d’abbandono, è forse davvero la cifra del nuovo libro di Stefano Raimondi, secondo tassello della sua trilogia dell’abbandono. Esplorare l’abbandono, il senso d’abbandono, dentro le parole e dentro l’orizzonte urbano (due dimensioni che in Raimondi da sempre si intrecciano, già a partire dal libro giovanile “La città dell’orto”, del 2002), ricercarne le costellazioni di immagini, le risonanze interiori, la voragine di un tombino che si spalanca e il viaggio che tuttavia si apre, in una luce incerta: ecco l’orizzonte di quest’opera, che abbandona, e forse supera, il parallelismo ustionante tra vicenda affettiva e devastazione bellica, così forte nel primo tempo della trilogia, “Per restare fedeli” (2013).

Perché adesso “guardare da qui commuove / e parlare non è più parlare. // Il vero ci porta via”.

L’autore

Il poeta Raimondi svolge attualmente corsi, seminari e incontri in diverse sedi Universitarie e Scuole cercando di far confluire nel suo percorso sia gli elementi linguistici che interpretativi della pratica poetica.  Le sue poesie sono apparse su riviste nazionali e internazionali:”Nuovi Argomenti”, “Idra”, “Tratti” “Atelier”, “Poesia”, “Galleria”, “Inoltrte”, “Millepiani”, “Astolfo”, “Graphie”, “La Mosca” , “La Clessidra” , “Conflitti”, “Poeti e Poesia”, “Gradiva”, “Il nostro lunedì”, “La società degli individui”, “Nazione indiana”.

La sua attività didattica l’ha portato nel corso del tempo a toccare vari aspetti della scrittura poetica, sia da un punto di vista letterario che filosofico, concentrandosi soprattutto sulle teorie dell’Interpretazione.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35141 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

 

Un 2016 di editoria e letteratura a Progetto Giovani

Il 2016 all’Ufficio Progetto Giovani è stato anche editoria e letteratura.

Tra le attività dell’ufficio vi è la realizzazione di incontri con giovani autori della saggistica e della narrativa italiana e straniera, con il duplice obiettivo di dare visibilità alle nuove generazioni di scrittori e avvicinare i giovani alla letteratura.

Attraverso la narrazione, Progetto Giovani svolge il compito di dare cittadinanza ai giovani, generare forme di auto-rappresentazione, produrre esperienze significative e costruire attorno ai giovani una città che li riconosca.

Per questo, gli scrittori sono sempre affiancati da giovani commentatori che, alla formula consolidata della presentazione editoriale, aggiungono il proprio contributo al dibattito sulle forme del racconto e sulla condizione giovanile offrendone una visione poliedrica e dialogica.

Gli ospiti di Progetto Giovani sono inoltre protagonisti di incontri con gli studenti delle scuole superiori di Padova, per raccontare il proprio lavoro e approfondire gli aspetti della propria scrittura attraverso le letture delle ragazze e dei ragazzi della “generazione entrante”.

Ecco una raccolta dei principali incontri realizzati nell’anno.

“Da giovani promesse…” 2017

Clicca sui nomi dei protagonisti di ciascun appuntamento per scoprire il dettaglio del programma.

Il programma

Mer 24/05Gio 25/05Ven 26/05Sab 27/05Lun 29/05Mar 30/05Mer 31/05Gio 1/06Sab 17/06

Palazzo del Bo, Sala da pranzo del Rettorato – 17:00

Emily Witt e Giulio D’Antona

Seminario sul giornalismo narrativo

con Fabio Deotto

in collaborazione con Università degli Studi di Padova

L’incontro è riservato a un massimo di 25 persone.

Iscriviti qui

Casa della Rampa Carrarese – dalle 19:00

Emily Witt

“Future Sex” (Minimum Fax)

con Giulio D’Antona e Fabio Deotto

Alessandro Ragazzo

Parole e musica: “New York”

Palazzo San Bonifacio – 17:30

Giulia Caminito

“La grande A” (Giunti)

con Matteo Marchesini

Palazzo San Bonifacio – 19:00

Paul Lynch

“Cielo rosso, al mattino” (66thand2nd)

con Enrico Terrinoni

Palazzo Maldura, Aula Scattola – 14:30

Tradurre oggi (Finnegans Wake)

conferenza di Enrico Terrinoni

in collaborazione con Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari – Università degli Studi di Padova

Orto Botanico, Sala Emiciclo – 17:30

Arthur Brügger

“L’occhio del pescespada” (Longanesi)

in collaborazione con il corso di Letterature Francofone del DISLL dell’Università di Padova

Orto Botanico, Sala Emiciclo – 19:00

Ida Amlesù

“Perdutamente” (Nottetempo)

con Ginevra Lamberti

Liceo Scientifico Statale “I. Nievo” – 8:15

 Arianna Babbi, Martina Pastori, Sahara Rossi, Teresa Tonini, Andrea Zancanaro

Presentazione dei cinque finalisti della XXII edizione del Premio Campiello Giovani

Incontro riservato agli studenti delle scuole superiori

Caffè Pedrocchi, Sala Verde – 11:00

Roberta Durante, Maddalena Lotter e Julian Zhara

Da giovani poeti…

a cura di Maddalena Lotter

Caffè della Piazzetta, Ghetto – 19:00

Alberto Bianco

Parole suonate

Palazzo San Bonifacio – 17:30

Luca Bernardi

“Medusa” (Tunué)

con Veronica Tabaglio

Palazzo San Bonifacio – 19:00

Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” (La Nave di Teseo)

con Sara Vergot

Palazzo del Bo, Sala da pranzo del Rettorato – dalle 17:00

Tommaso Giagni

“Prima di perderti” (Einaudi)

Massimiliano Virgilio

“L’americano” (Rizzoli)

con Emmanuela Carbé ed Enrico Zucchi

in collaborazione con Università degli Studi di Padova

L’incontro è riservato a un massimo di 25 persone.

Iscriviti qui

Casa della Rampa Carrarese – 19:00

Mario Coppola

“In cima al mondo, in fondo al cuore” (Giunti)

Nicola Barilli

“Italia in autunno” (Pendragon)

con Elena Sbrojavacca

Palazzo San Bonifacio – 17:30

Giuliana Altamura

“L’orizzonte della scomparsa” (Marsilio)

con Lucia Assenzi

Palazzo San Bonifacio – 19:00

Anna Giurickovic Dato

“La figlia femmina” (Fazi)

con Alessandro Cinquegrani

Caffè Pedrocchi, Sala Egizia – 16:30

Francesca Scotti

“Ellissi” (Bompiani)

con Matteo Giancotti e Carlo Tenuta

Cortile antico di Palazzo del Bo – 18:00

I premi letterari

Intervento del neoproclamato Vincitore della XXX del Premio Calvino

con Enza del Tedesco (Premio Berto), Laura Mollea (Premio Calvino), Piero Luxardo (Premio Campiello)

in collaborazione con Università degli Studi di Padova

Centro Universitario Padovano – 19:00

Lance Weller

“Wilderness” (Keller)

per Letti di Notte

Scarica il programma

I luoghi

La rassegna

Dal 24 maggio al 1° giugno, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova presenta “Da giovani promesse…”, il festival letterario dedicato agli esordi letterari più brillanti e ai giovani autori del panorama editoriale italiano e internazionale.

Il titolo “Da giovani promesse…” parafrasa l’affermazione del critico Alberto Arbasino che descrive l’evoluzione della carriera di uno scrittore che, nato come giovane promessa, spesso attraversa la fase del “solito stronzo” per poi diventare un venerato maestro.

Otto giorni di appuntamenti letterari, incontri di approfondimento e momenti musicali, senza dimenticare le presentazioni nelle scuole: il festival nasce con l’intenzione di coinvolgere un pubblico sempre più eterogeneo e rendere protagonisti i giovani e i loro talenti, valorizzando, al tempo stesso, lo spazio urbano della città.

Gli appuntamenti, infatti, si terranno fuori dai luoghi tradizionalmente dedicati alle presentazioni letterarie. Gli ospiti presenteranno le proprie opere nei palazzi storici della città, mettendone così in luce il patrimonio storico e architettonico meno conosciuto, senza dimenticare gli spazi messi a disposizione dall’Università, dal Palazzo del Bo all’Orto Botanico.

moderatori saranno giovani professionisti dell’editoria, critici o scrittori, e dottorandi dell’Università, che avranno l’occasione di portare il proprio contributo in un confronto “alla pari” con gli autori, coinvolgendo il pubblico in un dibattito sulle forme del racconto e sulla giovane narrativa italiana. Non mancheranno gli incontri con gli studenti delle scuole superiori di Padova, che dialogheranno con gli ospiti del festival per scoprire il mestiere dello scrittore e approfondire con loro forme e contenuti della narrazione.

Tutti gli incontri sono ad accesso libero e gratuito.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
Via Altinate, 71 – 35121 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Disney – La vera storia del fratello di Walt

Aspettando #giovanipromesse17, mercoledì 15 marzo, alle 18:30, l’Ufficio Progetto Giovani, in occasione di BeComics – il festival di fumetto, cultura pop e giochi che si svolgerà a Padova dal 17 al 19 marzo – ospiterà il racconto a fumetti “The moneyman. La vera storia del fratello di Walt Disney” pubblicato da Tunuè.

L’autore, Alessio de Santa, incontrerà il pubblico presso la libreria Zabarella per presentare la storia dell’uomo che, senza esporsi ari riflettori che illuminarono il fratello, fu motore essenziale della nascita e dell’affermazione di quell’impero economico, culturale e immaginario che si nasconde dietro la firma più famosa del mondo, la Disney.

The Moneyman

Il legame fortissimo tra Walt e il fratello Roy Oliver, compagno di avventure imprenditoriali, in una narrazione che è un excursus storico utile a ripercorrere le tappe dello studio Disney e la sua affermazione nella storia del cinema. Tutto passa attraverso gli occhi di Roy, incredibilmente schivo e volutamente distante dai riflettori, eppure uomo d’affari impeccabile, in grado di gestire un enorme parco dipendenti e tenere il filo dei rapporti con le maggiori personalità dell’epoca, da Howard Hughes alla Bank America, fino ad arrivare a Benito Mussolini.

Il rapporto tra i due fratelli – talvolta conflittuale, talaltra complice, sempre affiatatissimo – è la cruciale chiave del successo della multinazionale più famosa al mondo. Un trionfo letto come mediazione fra le caratteristiche dei due uomini: alla creatività talvolta sregolata di Walt, con un incredibile occhio per le opportunità e un’arroganza spesso ingombrante, si oppone la pacatezza di Roy, la sua arte oratoria e la capacità di relazionarsi con gli altri in maniera sempre convincente.

Alessio De Santa

Sceneggiatore, illustratore e fumettista. Ha cominciato a gestire riviste e pubblicare vignette dall’età di 17 anni, e ha coltivato la sua passione lavorando, tra gli altri, per De Agostini e all’accademia Disney. Ha pubblicato per Tunuè “La principessa che amava i film horror” (candidato per la miglior sceneggiatura al Treviso Comic Book Festival e miglior storia breve a Lucca comics 2014) e The Moneyman, la vera storia del fratello di Walt Disney (ottobre 2016).

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 -35141 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Riccardo Gazzaniga – Non devi dirlo a nessuno

gazzaniga2

Giovedì 24 novembre, dalle 10:00 alle 12:00, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova realizza un incontro con Riccardo Gazzaniga, autore del romanzo “Non devi dirlo a nessuno” (Einaudi).

L’appuntamento si svolgerà presso il CSF Enaip di Padova, in via Ansuino da Forlì 64/a, e sarà rivolto ai soli studenti.

Il libro

gazzaniga-libroEstate 1989. Luca, adolescente genovese, trascorre l’estate a Lamon, un piccolo centro sulle montagne del Veneto. Il suo migliore amico è Alessio, villeggiante e un po’ sfigato come lui. Il suo amore è Chiara, ma a lei piace Samuele, che ha già lo scooter e pure l’orecchino. Una sera, Luca e il fratellino Giorgio si addentrano nel bosco alla ricerca di un tasso. Lì si accorgono che due occhi li fissano dal buio. Scappano, convinti di essere seguiti, ma, arrivati alla porta di casa, si voltano e non vedono nessuno. C’era davvero una presenza che li spiava nascosta tra gli alberi? E chi guida la macchina nera che compare in paese qualche sera dopo e sembra pedinare Luca?

«Di nuovo si guardò intorno e di nuovo non vide nulla. Non c’era nessuno, a parte loro. Ma aveva visto quegli occhi, laggiú nel bosco. E quegli occhi avevano visto lui».

L’autore

gazzanigaRiccardo Gazzaniga (Genova, 1976) ha pubblicato per Einaudi “A viso coperto” (2013, Premio Calvino), è fra gli autori di “Undici per la Liguria” (2015) e “Non devi dirlo a nessuno” (2016). Scrive inoltre articoli di approfondimento per Repubblica, La Stampa, Il Fatto Quotidiano, Il Post.

 

 

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35141 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

“Randagi” al Caffè Pedrocchi

sito_randagi

Lunedì 24 ottobre, dalle 18:30, la Sala Egizia del Caffè Pedrocchi ospiterà un nuovo appuntamento con la letteratura realizzato dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Padova.

Alessandro Mari e Francesca Zoni presentano “Randagi. Da Zero”  (Rizzoli, 2016), romanzo a fumetti nel quale i due autori danno vita a una realtà distopica dove i ragazzi, venuti meno gli adulti, si muovono in un’Italia senza più regole e maestri, e sono dunque chiamati a sopravvivere sperimentando vecchie e nuove forme di stare insieme, e di stare nel mondo.

L’appuntamento sarà l’occasione per i giovani creativi di incontrare gli autori della graphic novel e conoscere da vicino il lavoro dello sceneggiatore, quello della disegnatrice e il percorso di collaborazione che ha portato al libro.

La partecipazione all’incontro è libera e gratuita.

«Francesca Zoni disegna anatomie perfette con pochi tratti, e le poche incertezze sono coperte con sapienza, da neri, tratteggi e da una bicromia non opprimente. Alle prese con un cast larghissimo e ambientazioni urbane non facili, Zoni sembra migliorare macinando tavole su tavole. La storia, nel complesso, è incalzante, con toni e ritmi da ottimo young adult: se i passaggi dalla scrittura del romanzo a quella per il fumetto spesso portano a risultati lenti e verbosi, l’accoppiata Mari-Zoni trasmette mordente, verso un finale in crescendo e catastrofico in una Napoli dove cani e ragazzini vagano come randagi», Marco Rizzo per Minima&Moralia.

Gli autori

Alessandro Mari

Narratore, traduttore e consulente editoriale, è nato nel 1980 a Busto Arsizio. Si è laureato con una tesi su Thomas Pynchon. Ha cominciato giovanissimo a lavorare per l’editoria, come lettore, traduttore e ghostwriter. Con “Troppo umana speranza” (Feltrinelli, 2011; premio Viareggio-Rèpaci 2011; Universale Economica, 2013), la sua prima opera narrativa, si è imposto all’attenzione del pubblico e della critica. Con Feltrinelli ha pubblicato anche “Gli alberi hanno il tuo nome” (2013) e, nella collana digitale Zoom, il romanzo a puntate “Banduna”. Ha pubblicato con Bompiani il romanzo “L’anonima fine di Radice Quadrata”(2015). Le sue opere sono tradotte in Europa e in Sudamerica. Questa è la sua prima incursione nel mondo dei romanzi a fumetti.

Francesca Zoni

Diplomata in Fumetto e Illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Bologna, è stata membro del collettivo La Trama e ha partecipato a diverse antologie. Ha collaborato a riviste cartacee e digitali tra cui “Lo Straniero” e “Graphic News”. Randagi – Da Zero è il suo primo romanzo a fumetti.

Randagi. Da Zero

Tito e Nina non si assomigliano per niente, sono diversi e lontani, ma la vita sta per creare tra loro un legame: la sopravvivenza. Tito è recluso nel carcere minorile di Nisida, Nina è a bordo di una nave da crociera alla deriva nel Mediterraneo. Improvvisamente, però, Tito scopre di poter fuggire dalla sua cella di isolamento perché le guardie non ci sono più, mentre Nina è costretta a guardare i cadaveri dei suoi genitori gettati in mare. Da settimane infatti un’epidemia senza nome falcidia gli adulti del mondo, e ormai neppure una prigione isolata o una lussuosa nave da crociera sono posti sicuri. Così Nina deve imparare ad accettare lo smarrimento e il dolore, e battersi per tornare sana e salva sulla terraferma. Tito, senza più ostacoli, può invece evadere e scoprire cosa resiste là fuori, tra i vicoli di una Napoli devastata. Esiste ancora qualcuno di cui fidarsi, qualcuno da tradire o da cui farsi tradire? È ancora possibile vivere insieme aiutandosi, o la nuova regola è la sottomissione? Nel mondo svuotato dagli adulti e precipitato nel caos di Randagi, tutto è in mano a Tito e Nina, e ai ragazzi come loro: i superstiti. Che dovranno guadagnarsi il diritto di vivere. Ricominciando da zero.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani – area Scuola
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel: 049 8204746
Mail: segreteria.scuolemediesuperiori@comune.padova.it

Premio letterario Leonilde e Arnaldo Settembrini

scrittura

La Regione del Veneto, in memoria di Leonilde e Arnaldo Settembrini, bandisce un concorso letterario, per raccolte di novelle o racconti editi a stampa in volume unico.

Il premio

Il Premio è stato fondato nel 1959 da Arnaldo Settembrini, che lo dedicò alla memoria della sua consorte Leonilde Castellani Settembrini, scrittrice di novelle. Nel corso degli anni il Premio, dedicato ai racconti, ha mantenuto la sua peculiarità e unicità e ha consolidato il suo prestigio nell’ambito della produzione letteraria italiana e internazionale. Al concorso partecipano le principali case editrici italiane che contribuiscono con la loro presenza ad assicurare anche un’adeguata promozione al Premio stesso.

Per partecipare

Possono partecipare al concorso autori ed editori interessati, anche proposti dai titolari delle librerie del Veneto. Sono ammesse al concorso opere di autori viventi in lingua italiana. Romanzi, romanzi brevi, poesie e saggi non sono ammessi al concorso, come ne sono escluse le opere inedite. Le opere dovranno essere inviate entro il 7 luglio.

Al vincitore sarà assegnato un premio del valore di 6.000 euro. A ciascuno degli altri due autori finalisti verrà assegnato un premio del valore di 1.000 euro. Il premio sarà consegnato nel corso di una cerimonia pubblica che avrà luogo nella città di Mestre

Per informazioni

Segreteria del Premio Settembrini
Regione del Veneto
Sezione attività culturali e spettacolo – Ufficio Mediateca
Tel: 0412794333
Email: premiosettembrini@regione.veneto.it

#giovanipromesse16 – Contest Instagram

instagram_giopro16

Dal 23 al 29 maggio 2016, l’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Padova presenta “Da giovani promesse…”, il festival letterario dedicato agli esordi letterari più brillanti e ai giovani autori del panorama editoriale italiano e internazionale.

Per un’intera settimana appuntamenti letterari, incontri di approfondimento e momenti musicali animeranno le piazze più suggestive e i luoghi più caratteristici della città.

Il contest

Tra le novità dell’edizione 2016, nasce anche il contest Instagram. Seguici nel corso degli appuntamenti e racconta il festival e i suoi protagonisti attraverso le tue foto, pubblicandole su Instagram con l’hashtag ufficiale #giovanipromesse16.

Nel corso dell’ultima giornata di festival, domenica 29 maggio, verrà premiata la foto più bella. Il vincitore riceverà un buono libri da spendere presso la Libreria Zabarella.

Seguici sui social con l’hashtag #giovanipromesse16: Facebook, Twitter, Instagram

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35141 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it