Archivi tag: #autori

#giovanipromesse16 – Lunedì

giopro16_sito1

Lunedì 23 maggio, il Festival inaugura con un doppio appuntamento presso la Sala Egizia del Caffè Pedrocchi.

Alle 19:00, Olga Grjasnowa presenta “Tutti i russi amano le betulle“; dialoga con lei Francesca Koban. Alle 20:00, Giuliano Pesce racconta il suo “Io e Henry“, con Irene Barichello.

Seguirà un brindisi di apertura.

Ore 19:00

Olga Grjasnowa

Tutti i russi amano le betulle” (Keller editore)

con Francesca Koban

Ore 20:00

Giuliano Pesce

Io e Henry” (Marcos y Marcos)

con Irene Barichello

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

“Da giovani promesse…” 2016

giopro16_sito1

Dal 23 al 29 maggio 2016, l’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Padova presenta “Da giovani promesse…”, il festival letterario dedicato agli esordi letterari più brillanti e ai giovani autori del panorama editoriale italiano e internazionale.

Il titolo “Da giovani promesse…” parafrasa l’affermazione del critico Alberto Arbasino che descrive l’evoluzione della carriera di uno scrittore che, nato come giovane promessa, spesso attraversa la fase del “solito stronzo” per poi diventare un venerato maestro. Nella visione e negli obiettivi dell’Assessorato, le giovani promesse sono le ragazze e i ragazzi della #GenerazioneMerito, i giovani che mettono a frutto i propri talenti generando crescita e contribuendo al miglioramento della società.

Tutti gli incontri sono liberi e gratuiti.

La rassegna

Sette giorni di appuntamenti letterari, incontri di approfondimento e momenti musicali, senza dimenticare le presentazioni nelle scuole: il festival nasce con l’intenzione di coinvolgere un pubblico sempre più eterogeneo e rendere protagonisti i giovani e i loro talenti, valorizzando, al tempo stesso, lo spazio urbano della città.

Gli appuntamenti, infatti, si terranno fuori dai luoghi tradizionalmente dedicati alle presentazioni letterarie. Gli ospiti presenteranno le proprie opere nelle piazze più suggestive e nei luoghi più caratteristici della città, mettendone in luce lo straordinario patrimonio storico e architettonico.

moderatori saranno giovani professionisti dell’editoria, critici o scrittori, che avranno l’occasione di portare il proprio contributo in un confronto “alla pari” con gli autori, coinvolgendo il pubblico in un dibattito sulle forme del racconto e sulla giovane narrativa italiana. Non mancheranno gli incontri con gli studenti delle scuole superiori di Padova, che dialogheranno con gli ospiti del festival per scoprire il mestiere dello scrittore e approfondire con loro forme e contenuti della narrazione.

Segui #giovanipromesse16 su Facebook

 

Il programma

LunMarMerGiovVenSabDom

Caffè Pedrocchi – dalle 19:00

Olga Grjasnowa

“Tutti i russi amano le betulle” (Keller editore)

con Francesca Koban

Giuliano Pesce

“Io e Henry” (Marcos y Marcos)

con Irene Barichello

Programma dettagliato

Centro Universitario Padovano – 17:00

Alessandra Grandelis

“Se questa è la giovinezza vorrei che passasse presto” (Bompiani)

con Federica Ditadi

Piazzetta San Nicolò – dalle 19:00

Kerry Hudson

“Tutti gli uomini di mia madre” (Minimum Fax)

con Giulio D’Antona

Simone Giorgi

“L’ultima famiglia felice” (Einaudi)

con Sara Vergot

Programma dettagliato

Centro Universitario Padovano – 17:30

Beppi Chiuppani

“Quando studiavamo in America” (Il Sirente)

con Simone Benvenuti

Piazzetta San Nicolò –  dalle 19:00

François-Henri Désérable

“Évariste” (Gallimard)

con Ilaria Gaspari 
in collaborazione con Alliance Française Padova (interpretariato)

Ilaria Gaspari

“Etica dell’acquario” (Voland)

con Matteo Marchesini

Programma dettagliato

Centro Universitario Padovano – 17:00

Will Boast

“Epilogue: A Memoir” (Liveright)

Giulio D’Antona

“Non è un mestiere per scrittori. Vivere e fare libri in America” (Minimum Fax)

con Fabio Deotto e Alessandro Raveggi

Piazzetta San Nicolò – dalle 19:00

Ester Armanino

“L’Arca” (Einaudi)

con Fabio Deotto

Alessandro Raveggi

“Il grande regno dell’emergenza” (LiberAria)

con Martina Daraio

Piazza dei Signori – 21:00

Alessio Arena

Concerto “Il mare invisibile”

Programma dettagliato

Serata in collaborazione con la Fondazione Premio Campiello.

MUSME: Museo della Storia della Medicina in Padova – 19:00

Stefano Valenti

“Rosso nella notte bianca” (Feltrinelli)

con Alessandro Cinquegrani e Alberto Rollo

Matteo Cellini

“La primavera di Gordon Copperny Jr.” (Bompiani)

con Enza Del Tedesco

Programma dettagliato

Caffè Pedrocchi – 11:00

Cristian Mannu

“Maria di Ísili” (Giunti)

con Margherita D’Amico ed Elena Sbrojavacca
in collaborazione con il Premio Italo Calvino. Interverrà il vincitore/vincitrice della XXIX edizione del Premio.

Museo Diocesano-Piazza Duomo – dalle 19:00

Francesca Diotallevi

“Dentro soffia il vento” (Neri Pozza)

con Marco Malvestio
in collaborazione con Premio Neri Pozza

Gabriele Di Fronzo

“Il grande animale” (Nottetempo)

con Emmanuela Carbé

Virginia Virilli e Margherita Vicario

“Le ossa del Gabibbo” (Feltrinelli)

Programma dettagliato

Caffè Pedrocchi – 18:00

Stefano Trinchero

“La copia infedele” (66thand2nd)

con Raffaele Riba

Carlo Loforti

“Appalermo, Appalermo!” (Baldini&Castoldi)

con Ginevra Lamberti

Premio Giovani Promesse

con il Vicesindaco e Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Padova Eleonora Mosco

Alberto Muffato – Artemoltobuffa

Concerto “Las Vegas nel bosco”

Programma dettagliato

I luoghi

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35141 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Alessandro Bertante presenta Gli ultimi ragazzi del secolo

 

bertanteMartedì 12 aprile 2016, alle 18:00, presso la Libreria La Feltrinelli di via San Francesco, a Padova, Alessandro Bertante presenta il suo nuovo romanzo “Gli ultimi ragazzi del secolo” (Giunti, 2016).

Il romanzo

Luglio 1996. Un viaggio estivo in Croazia porta il protagonista, insieme a un amico, fino a Mostar e a Sarajevo per toccare con mano i segni di una guerra non ancora finita. Attraversando con una Panda le montagne bosniache, Bertante racconta le devastazioni e le paure del conflitto balcanico. Durante questo avventuroso viaggio, il narratore si mette a nudo con coraggio, raccontando la sua generazione cresciuta negli anni Ottanta, un serpente che vediamo snodarsi attraverso le canzoni, i film, l’abbigliamento, la trasformazione di Milano, l’eplosione delle tv commerciali, la new wave e i centri sociali, fino alla mattanza delle droghe pesanti e alla tragedia dell’AIDS.

“Gli ultimi ragazzi del secolo” è un romanzo crudo e potente dove la memoria di un adolescente randagio e ribelle si fonde con la dolorosa presa di coscienza di un giovane uomo di fronte al dramma della Storia.

L’autore

Alessandro Bertante è nato ad Alessandria nel 1969 e vive a Milano. Ha pubblicato i romanzi: Al Diavul (Marsilio, 2008; premio Chianti), Nina dei lupi (Marsilio, 2011; premio Rieti), La magnifica orda (Il Saggiatore, 2012) e Estate crudele (Rizzoli, 2013; premio Margherita Hack).

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

La gelosia. Una passione inconfessabile

sissa_gelosia

Lunedì 29 febbraio, dalle 17:00 in aula E di Palazzo del Bo, l’Università degli Studi di Padova, con la partecipazione dell’Ufficio Progetto Giovani – Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune id Padova, realizza l’incontro con Giulia Sissa, autrice di “La Gelosia. Una passione inconfessabile” (Laterza, 2015). Un riflessione sulle passioni e sull’etica del desiderio introdotta da Davide Susanetti, docente di Letteratura greca e Annalisa Oboe, prorettore alle Relazioni culturali, sociali e di genere dell’Università di Padova.

La mattina dello stesso giorno, Giulia Sissa incontra alcuni studenti delle scuole superiori della città per una lezione su Medea presso l’Aula Magna del Liceo “Tito Livio”.

Il libro

sissa«Fantasticheria ombrosa e triste, passione crudele e piccina, inquietudine che accelera proprio il male che più teme, sciocco orgoglio, sangue amaro, volgarità borghese, pregiudizio, odio di sé, insicurezza… Il biasimo imperversa. Il disprezzo fustiga. Lo scherno deflagra. Nessuno menerebbe vanto di essere geloso. Ma quanti di noi, in tutta la vita, possono giurare di non aver mai, ma proprio mai, sofferto di gelosia?»

L’amore ci dà piacere. L’amore ci fa soffrire. Ciò che ci fa oscillare dall’esaltazione allo sconforto, dalla fiducia all’angoscia, dalla serenità alla disperazione è spesso la gelosia. Con la gelosia tutti i legami che tessono la trama delle nostre abitudini si disfanno. Tutti i gesti che formano la reciprocità quotidiana, improvvisamente restano sospesi. Che si tratti di vita comune o di amori effimeri, ci si ritrova sconvolti, spiazzati o, comunque, delusi. Le bugie incrinano la fiducia, e più si è sorpresi dell’infedeltà reale o temuta, più si soffre. Nulla è più come prima. E oltre il nulla: la vergogna. Oggi che il desiderio circola liberamente e il godimento è disinvolto, la gelosia è diventata una passione inconfessabile: bisognerebbe curarla, estirparla, ripudiarla e, soprattutto, non ammetterla mai.

Giulia Sissa racconta cosa ci ha portato, nell’esperienza dell’amore, all’imbarazzo di esprimere un sentimento che, in primo luogo, è sofferenza. Nella Grecia antica, come nella Roma di Ovidio, nell’Europa di Stendhal, a Parigi e in tutto il mondo occidentale, è sempre Eros a condurre il gioco: restituita alla sua storia, la gelosia rivela la natura intensa e inquieta dell’amore, che è ‘desiderio di desiderio’.

Giulia Sissa

Storica della cultura e delle idee, insegna all’Università della California, Los Angeles (UCLA) ed è ricercatrice al CNRS a Parigi. I suoi studi toccano il pensiero politico, la filosofia e la mitologia, la storia della sessualità, della differenza dei sessi e della parentela nel mondo antico. È una dei protagonisti del rinnovamento degli studi di antichistica in Francia, di quella scuola i cui maestri sono stati Jean-Pierre Vernant, Pierre Vidal-Naquet, Marcel Detienne e Nicole Loraux, e si è occupata in particolare di sessualità. Nel 1999 ha pubblicato con Feltrinelli il libro Il piacere e il male, sul rapporto tra filosofia e uso delle droghe, che è stato al centro di una viva polemica.

Per informazioni

Servizio Cerimoniale e Manifestazioni
Tel. 049 8273043-44
Mail: cerimoniale@unipd.it

 

Chiara Passilongo – La parabola delle stelle cadenti

 

passilongo

Mercoledì 20 gennaio alle 18:30, alla Libreria Feltrinelli, Chiara Passilongo presenta il suo romanzo “La parabola delle stelle cadenti” (Mondadori, 2015) con la scrittrice editor Giulia Belloni Perressutti.

Il romanzo

Chiara Passilongo esordisce con un romanzo maturo, vasto, sorretto da una scrittura semplice e precisa, capace di intrecciare i fili delle storie di un’intera comunità e di narrare in modo potente un angolo della nostra provincia – il profondo Nordest – che diventa la lente speciale attraverso cui rivivere gli anni più recenti e meno gloriosi della nostra storia. Lontano da interpretazioni ideologiche e, al contrario, con partecipazione e con un po’ di malinconia.

L’ascesa e la caduta dei Vicentini disegnano la parabola di un Paese intero, ci raccontano le speranze e lo sgomento di una generazione di padri e soprattutto di figli, a cui viene consegnato un mondo che appare irrimediabilmente fragile: ma insieme lasciano intravedere con forza, sotterraneo eppure ostinato, il filo luminoso del bene, della fiducia che i desideri espressi in una lontana notte d’estate possano avverarsi se non ci arrendiamo.

L’autrice

Chiara Passilongo è nata nel 1981 e vive a Verona. Laureata in Odontoiatria, lavora come dentista. Ha frequentato la scuola di scrittura Palomar di Mattia Signorini a Rovigo. Questo è il suo primo romanzo.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it