Archivi tag: Blog

U-Multirank, le migliori Università nel 2019

U-Multirank ha pubblicato la sesta graduatoria delle università che assegna un punteggio ad oltre 1.700 università di 96 paesi. Confrontando le prestazioni degli atenei in diversi settori permette di comparare le opportunità che le diverse università offrono.

Il progetto

U-Multirank è un progetto avviato grazie alla Commissione europea e cofinanziata dal Programma Erasmus+, si tratta di un portale interattivo che permette una graduatoria multidimensionale mondiale, consentendo così agli utenti di creare le proprie graduatorie personalizzate selezionando i diversi indicatori relativi all’insegnamento e all’apprendimento, all’orientamento internazionale, al trasferimento di conoscenze, all’impegno regionale e alla ricerca

Quest’anno, oltre alla graduatoria, è disponibile una mappa raffigurante le 100 università che hanno ottenuto nel complesso i risultati migliori

Sono diversi gli istituti universitari europei che hanno avuto un ottimo piazzamento: la EDHEC Business School (Francia), l’Università di tecnologia di Chalmers (Svezia) e l’Università di Groningen (Paesi Bassi) figurano ai primi posti.

Una variabile analizzata dalla piattaforma è il grado di apertura internazionale delle università verso il resto del mondo, evidenziando che più le università cooperano a livello internazionale, maggiore è il grado di soddisfazione dei loro studenti per la propria esperienza di apprendimento. 

In seguito all’appello dei leader dell’UE al vertice di Göteborg del 2017, la Commissione ha lanciato un invito a presentare proposte per un valore di 60 milioni di euro al fine di sviluppare l’iniziativa delle università europee, che mira a sostenere la fondazione di università transnazionali altamente competitive e inclusive. La pubblicazione dei risultati dell’invito è prevista nelle prossime settimane. 

Per informazioni
U-Multirank

Che valore ha la letteratura oggi?

La casa editrice Neri Pozza invita a compilare un questionario dedicato al valore della letteratura e al ruolo degli scrittori nella società attuale.

Le risposte, trattate in modo anonimo ed elaborate insieme a quelle di centinaia di altre persone, consentiranno di definire un quadro della lettura in Italia.

I risultati saranno elaborati nel giro di qualche settimana e sarà possibile, per ogni lettore, accedere a una pagina personalizzata in cui confrontare le proprie risposte con i principali risultati della ricerca.

La compilazione richiede 8-10 minuti e può essere effettuata da computer, tablet o smartphone.

Compila il questionario

Il book club Neri Pozza di Padova

Nel 2014 l’Ufficio Progetto Giovani ha richiesto alla casa editrice di fondare il book club padovano di Neri Pozza. Il gruppo di lettura era, all’epoca, il quarto book club italiano, dopo quelli di Milano (nato in collaborazione con l’Assessorato alla cultura), Roma (con l’Assessorato alla cultura e la Casa delle letterature) e Torino (con le Biblioteche civiche).  Sono nati poi, nel 2015, quelli di Vicenza (in collaborazione con la biblioteca Bertoliana) e di Verona (con il Teatro Nuovo).

Come per gli altri gruppi di lettura Neri Pozza, i 20 iscritti di Padova leggono in anteprima le opere in bozza, già editate e non modificabili in alcun modo, a un solo scopo: quello di contribuire alla discussione attorno alle opere e alla loro ricezione.

Sul blog della casa editrice è consultabile l’elenco degli oltre 50 libri discussi in questi anni.

Il book club cerca nuovi lettori!

Hai meno di 35 anni? Ti ritieni un lettore forte e vorresti entrare a far parte di un gruppo di lettura? Per maggiori informazioni e per proporre la tua candidatura, scrivi una mail a neripozzabookclubpadova@gmail.com.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35141 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Mobike – il servizio di bike sharing arriva a Padova

Anche a Padova è ora disponibile Mobike, il servizio di bike sharing a flusso libero, che consente di utilizzare le biciclette senza l’obbligo di riportarle nelle prestabilite stazioni di sosta.

Sono disponibili 300 biciclette Mobike Lite e 300 biciclette Mobike Classic, e il servizio è attivo 24 ore su 24.

Le biciclette, liberamente utilizzabili, sono sempre disponibili presso le stazioni Mobike site presso:

  • stazione ferroviaria
  • Piazza Cavour
  • Prato della Valle
  • Porta Portello

Le biciclette sono equipaggiate di Gps, tessera sim e un lucchetto intelligente brevettato che viene sbloccato/bloccato tramite l’app di Mobike.

L’utente, attraverso l’app, può segnalare anche eventuali guasti e malfunzionamenti, riportando il numero identificativo della bici e la descrizione del problema (in massimo 140 caratteri)

Come funziona

Per usufruire del servizio è necessario utilizzare l’applicazione gratuita Mobike, scaricabile dall’App Store o da Google Play.

Scaricata l’app è necessario creare un account, utilizzando il numero di cellulare (a cui arriverà un codice di verifica da inserire) e, a seguire, inserendo una password personale.

I pagamenti per ricaricare il credito dell’app o comprare un Mobike Pass avvengono tramite carta di credito/debito.

Tramite l’app è possibile consultare la mappa localizzando le biciclette più vicine e prenotarle, per un massimo di 15 minuti.
Una volta individuato il mezzo, è sufficiente cliccare il pulsante “Sbloccare” e, scansionando il QR code, vicino al manubrio della bici il lucchetto si apre automaticamente.

Per ulteriori informazioni circa modalità di utilizzo e costi consulta la news di PadovaNet.


Emily alla European Youth Week

Emily Palermo è una volontaria del Corpo Europeo di Solidarietà inviata da Progetto Giovani a Madrid, dove è impegnata in un progetto di 11 mesi con l’associazione “Kifkif, Migraciones y Refugio LGBTI+”.

Grazie al concorso Erasmus+ Volunteering Awards, al quale ha partecipato con un breve video sulla sua esperienza di volontariato, ha avuto la possibilità di partecipare alla European Youth Week, che si è tenuta dal 29 aprile al 5 maggio 2019 presso il Parlamento Europeo a Bruxelles.

Ecco la sua testimonianza:

Durante i giorni 29 aprile – 5 maggio presso il Parlamento Europeo a Bruxelles si è svolta la European Youth Week alla quale ho partecipato come vincitrice del concorso video Erasmus+ Volunteering Awards.

Il tema dell’evento Democracy and Me è stato un invito a esplorare i modi attraverso cui la popolazione giovanile può prendere parte alle decisioni politiche e l’attivismo sociale per garantire la democrazia come valore comune.

In attesa delle prossime elezioni europee, tra il 23 e il 26 maggio, la Settimana della Gioventù è stata un mezzo per promuovere l’importanza del voto, per distinguere gli scenari e le proposte politiche attuali.

Oltre a conoscere da vicino gli stand dei partiti politici presenti, abbiamo avuto l’opportunità di assistere ad alcuni interessanti dibattiti che coinvolgono attualmente la politica. Si è parlato di migrazione e inclusione, democrazia e diritti umani, ricerca per la trasformazione digitale, ambiente, giovani e impiego, differenza/uguaglianza di genere in politica.

In rappresentanza del Corpo Europeo di Solidarietà, io e gli altri dieci vincitori del concorso, siamo stati coinvolti nella promozione delle attività svolte dai giovani che partecipano ai programmi Erasmus+/Corpo Europeo di Solidarietà e informati sulla possibilità di ulteriori progetti: Garanzia Giovani, programma Erasmus+ 2014-2019, European Solidarity Corps, European Youth Card, EU Space Programme, Eurodesk, Road Trip project.

L’evento è stato organizzato dalla Direzione generale per l’Educazione, lo Sport e la Cultura della Commissione Europea in collaborazione con il Parlamento Europeo, coinvolgendo altre aree della direzione generale della Commissione Europea.

Per informazioni
Progetto Giovani Padova – area Spazio Europa
Via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: +39 049 8204722
Mail: evs@comune.padova.it

Paulina Flores per One Book One City

Paulina Flores, classe 1988, è cresciuta in un rione a nord di Santiago del Cile. Ha esordito con la raccolta di racconti Che vergogna (Marsilio, 2019), più volte ristampata, acclamata da pubblico e critica e segnalata tra i dieci migliori libri dell’anno per El Pais. Insegna in un liceo di Santiago.

Ha vinto il Premio Bolaño e il premio Bauer giovani.

L’abbiamo incontrata a Venezia, in occasione di Incroci di Civiltà e le abbiamo fatto qualche domanda sul suo rapporto con i libri e con la lettura.

Parlando del suo lavoro, Luis Sepùlveda – che quest’anno è protagonista a Padova di One Book One City – ha detto:

Paulina Flores ha una prosa così unica, sicura, fresca, vitale, toccante e agile che l’unica parola che mi viene in mente per definirla è “caleidoscopica”. Racconta tutto dei suoi personaggi: le vicende, i dettagli, le voci e i silenzi, il pianto che non viene fuori. Racconta la linea sottile che separa l’amore dall’odio. Nel solco di Raymond Carver, ci mostra cosa sono fallimento e sconfitta, cos’è la solitudine e cosa marchia la sua generazione. Scrive senza trucchi né artifici, senz’altra pretesa che raccontare bene una buona storia. E ci riesce. In questa raccolta ci sono nove storie magistrali, e quando finirete di leggere ne vorrete ancora.

Luis Sepùlveda

Bando per assegnazione alloggi Erp 2019

Il Comune di Padova ha indetto il bando di concorso per l’assegnazione degli alloggi Erp, che si renderanno disponibili o che saranno ultimati nel periodo di validità della graduatoria.

A favore dei giovani, il Comune ha stabilito una riserva dell’8% delle case a disposizione per persone che non hanno compiuto il trentacinquesimo anno di età alla data di pubblicazione del bando.

Chi ha già presentato domanda nel bando precedente deve ripresentare la domanda nei termini e con le modalità previste dal presente bando. Sono tenuti a presentare domanda anche tutti gli assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica, titolari di assegnazioni e/o contratti di locazione provvisori.

Le domande devono essere presentate dal 16 aprile al 31 maggio 2019, presso i Caf accreditati dal Comune di Padova utilizzando la procedura indicata nel bando.

Scarica il bando completo

Per informazioni
Settore Servizi Sociali, Servizio politiche abitative
via Tommaseo, 60 – Padova
telefono 049 8204351
email bandoerp2019@comune.padova.it 
pec servizi.sociali@pec.comune.padova.it

Digital Cities Challange – evento finale

Mercoledì 5 giugno Bruxelles ospita l’evento conclusivo del programma Digital cities challenge.

Nel corso della conferenza in programma vengono illustrate le tendenze che stanno modellando le aree urbane in Europa, le opportunità offerte dalle tecnologie avanzate per trasformare le città in catalizzatori di crescita sostenibile con l’obiettivo di prevedere e favorire strategie per lo sviluppo di smart cities del xxi secolo.

Le tematiche centrali della giornata:

  • creare ecosistemi urbani sostenibili e fiorenti, che catalizzino l’azione coordinata per trasformare digitalmente i loro territori;
  • modellare le città del futuro, investendo in infrastrutture ad alta tecnologia, promuovendo l’accesso alla tecnologia e fungendo da banco di prova per le tecnologie emergenti;
  • riqualificazione delle città attraverso l’istruzione e la formazione intesi come condizione essenziale per la modernizzazione industriale e la trasformazione digitale di un territorio.

Con oltre 400 partecipanti, sono previsti relatori di primo livello:

  • politici;
  • leader del settore industriale e imprenditoriale;
  • associazioni;
  • rappresentanti di organizzazioni internazionali (Onu, Wef, Ocse, ecc.);
  • accademici, esperti di trasformazione digitale e smart city, esperti di formazione.
Vai al programma completo

Per informazioni
Ufficio progetti di finanziamento – Settore Risorse Finanziarie
Palazzo Moroni, via del Municipio, 1 – 35122 Padova
Tel. 049 8205608
Mail progettidifinanziamento@comune.padova.it

Stage 4 Europe

Stage4eu è un’app mobile e un sito web dove i giovani che vogliono fare uno stage in Europa possono trovare informazioni, testimonianze e consigli utili per le diverse opportunità di stage nei Paesi europei. È un punto di riferimento per chi è alla ricerca di uno stage in Europa e un prezioso strumento di lavoro per gli operatori dell’orientamento, della formazione e del placement.

Il portale

All’interno del portale sono presenti quattro agili sezioni per orientare il lettore verso le differenti necessità.

Info Stage

Quello che bisogna sapere prima di iniziare la ricerca dello stage è come funziona il tirocinio in Europa; i prerequisiti necessari per fare uno stage all’estero; i documenti da preparare per candidarsi; come scrivere il CV e affrontare la selezione; come “vivere” lo stage e valorizzare l’esperienza una volta tornati a casa.

Destinazione Europa

Sono presentati diversi canali utili per la ricerca dello stage: il Programma Erasmus+, Your First Eures Job, le Associazioni studentesche internazionali, le Organizzazioni internazionali, oltre ad una rassegna dei principali siti italiani e europei che si occupano di stage all’estero.

Protagonisti

Una raccolta di testimonianze dei “protagonisti dello stage”: gli eurostagisti raccontano la propria esperienza e le aziende ospitanti spiegano le aspettative verso gli stagisti.

Schede Paese

In questa sezione sono disponibili le “Schede stage” dei Paesi europei. Per ogni Paese vengono fornite informazioni specifiche sulla regolamentazione del tirocinio, indicazioni e riferimenti per la ricerca dello stage, notizie utili di carattere generale (lingua, moneta, costo della vita ecc.) e consigli per trovare un alloggio a prezzi economici. Ogni Scheda si chiude con una serie di indirizzi utili.

Le offerte di Stage

Sul sito c’è una sezione dedicata alle sole offerte di stage che viene quotidianamente aggiornata con le proposte più interessanti in Europa, all’interno di aziende multinazionali e delle maggiori organizzazioni internazionali. Le opportunità di stage vengono selezionate dallo staff di Stage4eu sulla base di un’apposita check list per la verifica della qualità delle offerte.

Per informazioni
INAPP – Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche
Corso d’Italia 33, Roma
Tel.: 06 85447 244
Mail: stage4eu@inapp.org

Scuole eTwinning, italiani tra i più premiati d’Europa

Sono 130 le scuole italiane che in questi giorni hanno ricevuto il riconoscimento europeo 2019 di “Scuola eTwinning”. Il progetto eTwinning è parte del programma europeo Erasmus+ e rivolto a tutte le scuole di primo e secondo grado.

Il premio, relativo ai risultati raggiunti nell’anno scolastico da docenti e studenti di alcuni istituti attraverso la piattaforma europea per i gemellaggi elettronici eTwinning, vuole certificare l’innovazione mostrata dalle scuole più virtuose in ambiti della didattica quali la pratica digitale, l’eSafety, gli approcci creativi e innovativi alla pedagogia, la promozione dello sviluppo continuo delle compentenze di docenti e studenti.

In totale le scuole europee premiate sono state 1.004; l’esito è il risultato di una selezione gestita dalla Commissione europea e dall’Unità europea eTwinning.

Le scuole premiate

Le scuole italiane premiate sono sparse per tutto lo stivale, con una percentuale molto importante al Sud italia, spiccano infatti regioni come Sicilia (15 istituti), Campania (15) e Puglia (13), oltre a Lombardia (15), Emilia-Romagna (14) e Lazio (10).

Il riconoscimento ha l’obiettivo di dare visibilità all’attività europea della scuola sul piano locale, regionale e nazionale, riconoscendo il lavoro dei docenti coinvolti nelle attività eTwinning e andando a definire modelli scolastici di riferimento non solo per le altre scuole, ma anche per le autorità scolastiche regionali e nazionali.

Le Scuole eTwinning possono diventare una nuova rete di scuole europee pioniere nell’innovazione didattica. In questo senso, un primo passo è avvenuto con la prima Conferenza europea dedicata alla nascita delle rete di Scuole eTwinning Empowering eTwinning Schools: Leading, Learning, Sharing.

La lista completa delle scuole italiane ed europee premiate con il riconoscimento di Scuola eTwinning è disponibile qui.

Per informazioni
eTwinning

Cosa fa per me l’Europa – #EUandME

Come entra l’Europa nel nostro quotidiano? Come influisce sui nostri posti di lavoro, le nostre famiglie, la nostra assistenza sanitaria, i nostri hobby, i nostri viaggi, la nostra sicurezza, le nostre scelte di consumo e i nostri diritti sociali? In che modo è presente nei nostri paesi, nelle nostre città e nelle nostre regioni?

In vista delle elezioni europee del 2019, l’UE ha messo a disposizione online un sito, in continuo aggiornamento, che raccoglie brevi note che esplorano le azioni e i risultati conseguiti dall’Unione dal punto di vista del singolo individuo.

A ciascuna nota si accompagna un documento di approfondimento scaricabile, con tutti i dati utili a visualizzare con chiarezza come l’Unione Europea favorisca lo sviluppo personale e il rispetto dei diritti di ciascun individuo.

Scopo dell’iniziativa è spingere i cittadini dell’Unione a votare alle prossime elezioni europee, che si svolgeranno tra il 23 e il 26 maggio, importante appuntamento non solo politico, ma anche sociale e culturale.

Il sito

What Europe does for me si articola in tre sezioni, rispettivamente dedicate all’azione dell’UE:

  • nella mia regione;
  • nella mia vita;
  • in primo piano.

Ciascuna sezione raccoglie articoli mirati a diverse categorie di cittadino e a diverse tipologie di azione dell’Unione Europea, accompagnate da focus in continuo aggiornamento.

Attraverso schermate interattive specifiche per ogni sezione, l’utente può cercare e visualizzare contenuti, scaricare documenti ufficiali e scoprire quanto l’Unione Europea ha fatto e continua a fare per garantire lo sviluppo, la sicurezza e la realizzazione del cittadino di ogni età e provenienza.

Con l’hashtag #EUandME è possibile seguire l’iniziativa anche sui canali social, rimanendo in costante aggiornamento sugli update e sulle novità dell’iniziativa.

What Europe does for me – #EUandME