Archivi tag: Blog

Stage 4 Europe

Stage4eu è un’app mobile e un sito web dove i giovani che vogliono fare uno stage in Europa possono trovare informazioni, testimonianze e consigli utili per le diverse opportunità di stage nei Paesi europei. È un punto di riferimento per chi è alla ricerca di uno stage in Europa e un prezioso strumento di lavoro per gli operatori dell’orientamento, della formazione e del placement.

Il portale

All’interno del portale sono presenti quattro agili sezioni per orientare il lettore verso le differenti necessità.

Info Stage

Quello che bisogna sapere prima di iniziare la ricerca dello stage è come funziona il tirocinio in Europa; i prerequisiti necessari per fare uno stage all’estero; i documenti da preparare per candidarsi; come scrivere il CV e affrontare la selezione; come “vivere” lo stage e valorizzare l’esperienza una volta tornati a casa.

Destinazione Europa

Sono presentati diversi canali utili per la ricerca dello stage: il Programma Erasmus+, Your First Eures Job, le Associazioni studentesche internazionali, le Organizzazioni internazionali, oltre ad una rassegna dei principali siti italiani e europei che si occupano di stage all’estero.

Protagonisti

Una raccolta di testimonianze dei “protagonisti dello stage”: gli eurostagisti raccontano la propria esperienza e le aziende ospitanti spiegano le aspettative verso gli stagisti.

Schede Paese

In questa sezione sono disponibili le “Schede stage” dei Paesi europei. Per ogni Paese vengono fornite informazioni specifiche sulla regolamentazione del tirocinio, indicazioni e riferimenti per la ricerca dello stage, notizie utili di carattere generale (lingua, moneta, costo della vita ecc.) e consigli per trovare un alloggio a prezzi economici. Ogni Scheda si chiude con una serie di indirizzi utili.

Le offerte di Stage

Sul sito c’è una sezione dedicata alle sole offerte di stage che viene quotidianamente aggiornata con le proposte più interessanti in Europa, all’interno di aziende multinazionali e delle maggiori organizzazioni internazionali. Le opportunità di stage vengono selezionate dallo staff di Stage4eu sulla base di un’apposita check list per la verifica della qualità delle offerte.

Per informazioni
INAPP – Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche
Corso d’Italia 33, Roma
Tel.: 06 85447 244
Mail: stage4eu@inapp.org

Scuole eTwinning, italiani tra i più premiati d’Europa

Sono 130 le scuole italiane che in questi giorni hanno ricevuto il riconoscimento europeo 2019 di “Scuola eTwinning”. Il progetto eTwinning è parte del programma europeo Erasmus+ e rivolto a tutte le scuole di primo e secondo grado.

Il premio, relativo ai risultati raggiunti nell’anno scolastico da docenti e studenti di alcuni istituti attraverso la piattaforma europea per i gemellaggi elettronici eTwinning, vuole certificare l’innovazione mostrata dalle scuole più virtuose in ambiti della didattica quali la pratica digitale, l’eSafety, gli approcci creativi e innovativi alla pedagogia, la promozione dello sviluppo continuo delle compentenze di docenti e studenti.

In totale le scuole europee premiate sono state 1.004; l’esito è il risultato di una selezione gestita dalla Commissione europea e dall’Unità europea eTwinning.

Le scuole premiate

Le scuole italiane premiate sono sparse per tutto lo stivale, con una percentuale molto importante al Sud italia, spiccano infatti regioni come Sicilia (15 istituti), Campania (15) e Puglia (13), oltre a Lombardia (15), Emilia-Romagna (14) e Lazio (10).

Il riconoscimento ha l’obiettivo di dare visibilità all’attività europea della scuola sul piano locale, regionale e nazionale, riconoscendo il lavoro dei docenti coinvolti nelle attività eTwinning e andando a definire modelli scolastici di riferimento non solo per le altre scuole, ma anche per le autorità scolastiche regionali e nazionali.

Le Scuole eTwinning possono diventare una nuova rete di scuole europee pioniere nell’innovazione didattica. In questo senso, un primo passo è avvenuto con la prima Conferenza europea dedicata alla nascita delle rete di Scuole eTwinning Empowering eTwinning Schools: Leading, Learning, Sharing.

La lista completa delle scuole italiane ed europee premiate con il riconoscimento di Scuola eTwinning è disponibile qui.

Per informazioni
eTwinning

Cosa fa per me l’Europa – #EUandME

Come entra l’Europa nel nostro quotidiano? Come influisce sui nostri posti di lavoro, le nostre famiglie, la nostra assistenza sanitaria, i nostri hobby, i nostri viaggi, la nostra sicurezza, le nostre scelte di consumo e i nostri diritti sociali? In che modo è presente nei nostri paesi, nelle nostre città e nelle nostre regioni?

In vista delle elezioni europee del 2019, l’UE ha messo a disposizione online un sito, in continuo aggiornamento, che raccoglie brevi note che esplorano le azioni e i risultati conseguiti dall’Unione dal punto di vista del singolo individuo.

A ciascuna nota si accompagna un documento di approfondimento scaricabile, con tutti i dati utili a visualizzare con chiarezza come l’Unione Europea favorisca lo sviluppo personale e il rispetto dei diritti di ciascun individuo.

Scopo dell’iniziativa è spingere i cittadini dell’Unione a votare alle prossime elezioni europee, che si svolgeranno tra il 23 e il 26 maggio, importante appuntamento non solo politico, ma anche sociale e culturale.

Il sito

What Europe does for me si articola in tre sezioni, rispettivamente dedicate all’azione dell’UE:

  • nella mia regione;
  • nella mia vita;
  • in primo piano.

Ciascuna sezione raccoglie articoli mirati a diverse categorie di cittadino e a diverse tipologie di azione dell’Unione Europea, accompagnate da focus in continuo aggiornamento.

Attraverso schermate interattive specifiche per ogni sezione, l’utente può cercare e visualizzare contenuti, scaricare documenti ufficiali e scoprire quanto l’Unione Europea ha fatto e continua a fare per garantire lo sviluppo, la sicurezza e la realizzazione del cittadino di ogni età e provenienza.

Con l’hashtag #EUandME è possibile seguire l’iniziativa anche sui canali social, rimanendo in costante aggiornamento sugli update e sulle novità dell’iniziativa.

What Europe does for me – #EUandME

F.A.Q. sulla Brexit in Erasmus+

brexit

Il 30 gennaio 2019 la Commissione europea ha proposto una serie di misure per evitare l’interruzione delle attività di mobilità degli studenti del programma Erasmus+ che coinvolgono il Regno Unito nel caso in cui il Paese lasci l’UE senza un accordo.

Il sito erasmusplus.it ha pubblicato una lista di F.A.Q. per offrire risposte utili agli interessati.

Leggi tutte le F.A.Q.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Spazio Europa
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204722
Mail: evs@comune.padova.it

Il Maggio dei Libri 2019

Dal 23 aprile al 31 maggio si svolge “Il Maggio dei Libri“, campagna nazionale di promozione della lettura organizzata dal Centro per il libro e la lettura in collaborazione con diverse istituzioni e associazioni, focalizzata sull’obbiettivo di liberare la creatività nell’organizzazione di iniziative che coinvolgano le persone più diverse, portando i libri nella quotidianità e il più possibile fuori dai loro contesti tradizionali.

L’iniziativa mira a spingere il pubblico a organizzare momenti di lettura condivisa anche al di là delle scuole, delle biblioteche e delle librerie.

Il Centro per il libro e la lettura propone alcuni filoni tematici a cui i partecipanti all’iniziativa possono ispirarsi in piena libertà nell’elaborazione dei loro progetti:

  • Desiderio e genio. A 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci;
  • Dove sei giovane Holden? A cento anni dalla nascita di J.D. Salinger;
  • Se questo è un uomo. A cento anni dalla nascita di Primo Levi;
  • Guarda che luna! A cinquanta anni dall’allunaggio.

Le novità di questa edizione

Tra le novità di questa edizione troviamo la mostra Pop-App. Scienza, arte e gioco nella storia dei libri animati dalla carta alle app, che fa parte di una serie di iniziative promosse dall’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma e dalla Fondazione Tancredi di Barolo di Torino. L’esposizione è realizzata in collaborazione con l’Istituto Centrale per la Grafica di Roma e la Fondazione Tancredi di Barolo di Torino e prevede un doppio allestimento in contemporanea, nelle rispettive sedi degli enti organizzatori (a Roma, nelle sale espositive di via della Stamperia; a Torino, nelle sale al piano terra di Palazzo Barolo e nelle sale del Percorso Libro del MUSLI), con inaugurazione l’8 maggio apertura al pubblico dal 9 maggio al 30 giugno.

L’obiettivo del progetto è evidenziare le potenzialità artistiche, creative, educative dei libri animati (ovvero che includono dispositivi meccanici o para-testuali che richiedono e sollecitano l’interazione del lettore) e i loro legami con le tecnologie e le applicazioni digitali. I due allestimenti propongono un percorso storico-metodologico dal Medioevo fino alle più moderne applicazioni digitali, ciascuno con una propria identità e caratterizzazione: la mostra di Roma è focalizzata sulla storia del libro animato antico e delle sue applicazioni scientifiche; quella di Torino è più aperta alle implicazioni moderne e alla rappresentazione delle diverse espressioni dell’inventiva cartotecnica.

Come partecipare

Partecipare all’iniziativa è semplice: tutti gli strumenti utili si trovano sul sito ufficiale ilmaggiodeilibri.it.

Sul sito infatti è possibile registrarsi, inserire le proprie attività nella banca dati dell’iniziativa, le bibliografie tematiche, gli spunti e il materiale ufficiale, scaricabile e personalizzabile, per promuovere le proprie attività legate a “Il Maggio dei Libri”.

La banca dati offre inoltre la possibilità di condividere le proprie attività convalidate su canali social, blog o siti grazie a un link diretto (con l’invito a inserire il tag #MaggiodeiLibri), mentre sui profili ufficiali del “Maggio dei Libri” la campagna è raccontata attraverso le immagini, e le condivisioni da parte di tutti voi (@ilmaggiodeilibri su Facebook e Instagram, @maggiodeilibri su Twitter). Un Social Feed sull’homepage del sito ufficiale, in fase di pubblicazione, raccoglie in tempo reale le interazioni social, permettendo ai visitatori di essere sempre connessi.

Concorsi e premi

Anche quest’anno sarà assegnato il Premio Maggio dei Libri, destinato alle iniziative più creative e innovative, selezionate per categoria: Associazioni, Biblioteche, Librerie, Scuole, Carceri/Strutture sanitarie e per anziani.

Torna anche il concorso destinato alle scuole italiane primarie e secondarie di primo grado sul tema “Trasportato dai palloncini, dove arriverà Duccio il bassotto? Disegna l’avventura del nostro amico a quattro zampe”Gli istituti scolastici potranno partecipare con opere grafiche realizzate con tecniche tradizionali che dovranno essere inviate in formato jpg con risoluzione minima di 300 dpi, entro e non oltre il 10 giugno 2019 all’indirizzo mirna.molli@beniculturali.it. Le 12 migliori saranno inserite nel calendario 2020 del Centro per il libro e la lettura e i primi 3 classificati riceveranno un kit di libri ciascuno.

Per informazioni
Il Maggio dei LibriCentro per il libro e la lettura
Mail: ilmaggiodeilibri@cepell.it

Parte #OggiProtagonisti

Il Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale lancia la campagna di comunicazione #OggiProtagonisti che racconta, attraverso uno spot in onda sui canali TV e Radio Rai e con informazioni disponibili su siti istituzionali e social media, quanto si è messo in campo e cosa di nuovo si sta facendo per i giovani.

La campagna

L’obiettivo è rendere sempre più i giovani, già da oggi, protagonisti del proprio futuro.

Con la campagna il Dipartimento intende far conoscere l’investimento che sta portando avanti sulle politiche giovanili con un fondo di 30 milioni di euro. Oltre a tenere aggiornati i giovani delle opportunità che possono cogliere con il Servizio civile universale.

Oltre alla nuova opportunità dell’European Solidarity Corps con 10 milioni di eurodi finanziamento in più e la prosecuzione del programma Erasmus+ con 12 milioni di euro per il 2019.

La campagna è l’occasione per far conoscere il nuovo nome del Dipartimento, dei propri siti istituzionali e dei canali social.

Infine è l’occasione per promuovere una più intensa partecipazione inclusiva dei giovani alla vita democratica e sociale del Paese e dell’Europa, anche attraverso il confronto diretto con le Istituzioni sulle politiche che riguardano il mondo giovanile grazie all’istituzione del Consiglio Nazionale Giovani.

Per informazioni
Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale

8 marzo – Giornata della donna

La Giornata internazionale della donna ricorre l’8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto in molte parti del mondo.

Rappresenta una delle due giornate dedicate ai diritti di genere, insieme alla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, istituita il 17 dicembre 1999 e che cade ogni anno il 25 novembre.

In occasione della Giornata della donna sono molte le iniziative di sensibilizzazione ed informazione realizzate in città, alcune delle quali sostenute anche dal Comune di Padova.

Gli eventi

Per informazioni
Comune di Padova

Padova, piazza principale della Giornata della Memoria e dell’Impegno

Il prossimo 21 marzo si tiene a Padova la XXIV edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico.

“Passaggio a Nord Est, orizzonti di giustizia sociale” è il tema che accompagnerà il 21 marzo 2019, durante il quale i familiari di vittime innocenti delle mafie saranno presenti a Padova e nei tanti luoghi dove si svolgerà la manifestazione. Durante la giornata saranno letti i circa 1000 nomi di vittime innocenti delle mafie, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell’ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore, hanno compiuto il loro dovere.

La manifestazione è organizzata con il patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Padova.

Il programma

  • ore 8:00 arrivo dei partecipanti;
  • ore 9:00 Piazzale Boschetti partenza del corteo;
  • ore 11:00 Prato della Valle arrivo corteo e lettura dei nomi delle vittime innocenti delle mafie dal palco;
  • ore 12.00 intervento finale Luigi Ciotti;
  • ore 14:30 fino alle 17:00, in otto sale della città di Padova si svolgeranno i seminari tematici.
Seminari Tematici

1 – Oltre la riforma: dal nuovo codice antimafia alle innovazioni normative sui beni confiscati (Sala conferenze della Camera di Commercio di Padova – Piazza Insurrezione 28 aprile 1945)

2 – Le mafie nel Triveneto, dal passaggio al radicamento (Auditorium del Centro Culturale Altinate San Gaetano – via Altinate 71)

3 – Scende la neve: il traffico di sostanze stupefacenti (Sala Rossini, Caffè Pedrocchi – via VIII Febbraio 15)

4 – Impauriti e impoveriti: quali politiche sociali per sconfiggere disuguaglianze e mafie (Aula E, Palazzo Bo – Polo di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Padova – via VIII febbraio 2)

 La memoria come strumento di cucitura del legame sociale (Sala Conferenze Cuamm. Medici con l’Africa – Opera San Francesco Saverio – via San Francesco 126)

6 – Rompere i legami mafiosi per rinascere: terza via, liberi di scegliere e Amuní (Sala Paladin, Palazzo Moroni (Municipio), via VIII febbraio 8)

7 – Non restiamo in panchina: educazione e integrazione la vera partita dello sport (Aula Nievo, Palazzo Bo – Polo di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Padova – via VIII febbraio 2)

8 – Il ruolo degli amministratori locali nella lotta a mafie e corruzione (in collaborazione con Avviso Pubblico) (Sala Anziani, Palazzo Moroni (Municipio), via VIII febbraio 8)

9 – Regole trasparenti negli appalti, per prevenire la corruzione e le infiltrazioni mafiose e per tutelare il lavoro (in collaborazione con CGIL, CISL e UIL) (Scuola Edile CPT – via Basilicata 1)

Come partecipare

Anche quest’anno Libera tenterà, nei limiti del possibile, di agevolare il raggiungimento della città scelta per la manifestazione nazionale (Padova) al fine di essere tutti insieme in piazza il 21 marzo.

Per favorire la partecipazione degli studenti il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha diramato una circolare che invita le scuole ad aderire e a giustificare l’assenza.

Per partecipare alla manifestazione di Padova, è necessario compilare e inviare a Libera la scheda di adesione e il regolamento per la richiesta di contributi, scaricabili dal sito di Libera.

Circolare del MIUR

Per informazioni
Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie
Tel.: 334 9151845
Mail: nordest@libera.it

Reddito di Cittadinanza

Dal 6 marzo 2019 è possibile richiedere il Reddito di cittadinanza, una misura di politica attiva del lavoro e di contrasto alla povertà. Si tratta di un sostegno economico ad integrazione dei redditi familiari.

Come stabilito dal DL 4/2019, i cittadini possono richiederlo impegnandosi a seguire un percorso personalizzato di inserimento lavorativo e di inclusione sociale.

I requisiti

Il Reddito di cittadinanza viene erogato ai nuclei familiari in possesso cumulativamente, al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, dei seguenti requisiti.

Requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno

Il richiedente deve essere cittadino maggiorenne italiano o dell’Unione Europea, oppure, suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente o cittadino di Paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo. È, inoltre, necessario essere residente in Italia per almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo.

Requisiti economici

Il nucleo familiare deve essere in possesso di:

  • un valore ISEE inferiore a 9.360 euro;
  • un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 30.000 euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare non superiore a 6.000 euro per il single, incrementato in base al numero dei componenti della famiglia (fino a 10.000 euro), alla presenza di più figli (1.000 euro in più per ogni figlio oltre il secondo) o di componenti con disabilità (5.000 euro in più per ogni componente con disabilità).
  • un valore del reddito familiare inferiore a 6.000 euro annui, moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza (pari ad 1 per il primo componente del nucleo familiare, incrementato di 0,4 per ogni ulteriore componente maggiorenne e di 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne, fino ad un massimo di 2,1). Tale soglia è aumentata a 7.560 euro ai fini dell’accesso alla Pensione di cittadinanza. Se il nucleo familiare risiede in un’abitazione in affitto, la soglia è elevata a 9.360 euro.

Cosa fare

Puoi presentare la domanda a partire dal 6 marzoonline su questo sito, presso tutti gli uffici postali e presso i CAF.
Hai tempo fino al 31 marzo per richiedere il contributo che sarà erogato ad aprile.

Per presentare la richiesta è necessario avere l’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) aggiornato al 2019, l’ISEE è possibile presso i CAF oppure online sul sito dell’INPS.

Se si desidera fare la richiesta online è indispensabile aver attivato SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). È possibile richiederlo prima del 6 marzo presso uno degli Identity Provider Accreditati che trovi sul sito www.spid.gov.it

Dopo aver presentato la domanda, l’INPS verificherà i requisiti. In seguito, viene comunicato quando e in quale ufficio postale è possibile ritirare la Carta del Reddito di cittadinanza.

In funzione dei requisiti si è convocati dai Centri per l’impiego per sottoscrivere un Patto per il Lavoro o dai Comuni per sottoscrivere un Patto per l’Inclusione sociale.

Per informazioni
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali