Archivi tag: creatività

Piazza con vista II – Workshop, fotografia e video

Venerdì 27 settembre, l’ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova presenta “Piazza con Vista II | L’ascolto diventa immagine“.

La serata dedicata alla restituzione di alcuni dei progetti realizzati all’interno dello spazio sperimentale MAC, co-lab che si affaccia in Piazza De Gasperi.

Il progetto è realizzato con il supporto della Regione Veneto nell’ambito del Piano di Interventi in materia di Politiche Giovanili DGR n.1675 del 12/11/2018, progetto “Costruire cultura 2”.

Il programma

14:00-18:00 | From atoms to bits - Federico Borgato

“From atoms to bits” – Federico Borgato

Workshop sulla digitalizzazione di superfici per il settore dei beni culturali

Mac co-lab, Piazza De Gasperi 13

Durante il workshop verrà preso in esame un manufatto artistico, che sarà rilevato con macchina fotografica reflex, gestito ed elaborato con l’ausilio di programmi fotogrammetrici (3df zephyr) e ottimizzato per la riproduzione con stampa 3D e sistemi di rappresentazione virtuale.

Il workshop è rivolto sia a professionisti del settore che a coloro che non hanno ancora maturato esperienze in ambito di stampa e rilevazione 3D, fino a un massimo di 6 partecipanti; è gratuito, ma è necessaria l’iscrizione inviando una mail a pg.creativita@comune.padova.it.

18:00 | Scommesse - Elisa Pregnolato

“Scommesse” – Elisa Pregnolato

Inaugurazione della mostra

Sottoportico, Piazza De Gasperi 13

“Scommesse” è un progetto fotografico di stampo documentaristico, nato all’interno dell’esperienza di MAC co-lab, che si propone di raccontare uno spazio urbano complesso composto di voci, documenti, facciate e spazi.

19:00 | Siamo vivi! - Patrick Grassi

“Siamo vivi!” – Patrick Grassi

Presentazione del documentario

Confartigianato Padova, Piazza De Gasperi 22

“Siamo vivi!” è il racconto anonimo di una piazza in cui tutti parlano senza avere un’identità. Parlano di un luogo che la propria identità l’ha persa e fatica a trovarne una nuova. Le voci di abitanti e passanti raccontano i contorni di un luogo vissuto in modi diversi, mentre le immagini riempiono di realtà le forme e gli spazi che queste persone vivono quotidianamente.

20:00 | Aperitivo

Aperitivo e presentazione del nuovo bando MAC 2019.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Creatività
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204795
Mail: pg.creativita@comune.padova.it

Step by Step 2019 – Gli incontri

Step by Step è un progetto per le arti contemporanee che nasce dalla collaborazione tra l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova e il Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova.

Giunto quest’anno alla sua 15^ edizione, Step By Step propone a 15 studenti del laboratorio “Curare una mostra d’arte” dell’Università di Padova e a 15 artisti emergenti under 35 selezionati tramite bando e dall’Archivio locale GAI di misurarsi nella dinamica curatoriale in un contesto reale, concreto e pratico per sperimentare e attivare prassi e modelli dell’arte contemporanea.

Gli artisti e i curatori coinvolti hanno condiviso un percorso di lavoro comune, iniziato a luglio con una serie di incontri teorici e che terminerà tra ottobre e novembre con la realizzazione di tre mostre collettive.

Per entrare in relazione con le strutture della città che lavorano con giovani e studenti, il ciclo di esposizioni troverà sede negli spazi del Centro Universitario Padovano di via Zabarella. Step By Step infatti si propone di contaminare gli spazi urbani con segni artistici contemporanei per stimolare un nuovo dialogo tra artista, curatore, pubblico e città.

Le esposizioni sono anticipate da una serie di incontri formativi con professionisti del mondo dell’arte e della comunicazione. Gli incontri sono gratuiti e aperti al pubblico.

25 settembre | 16:00 – 18:00

Come si curano e organizzano una mostra o un progetto espositivo?

Nello Spazio 35 del Centro Culturale Altinate San Gateano, talk con Giovanni Giacomo Paolin, curatore freelance.

2 ottobre | 16:00 – 18:00

Come si comunica un progetto culturale?

Nello Spazio 35 del Centro Culturale Altinate San Gaetano, incontro con Antonio Lauriola, responsabile della comunicazione per l’Ufficio Progetto Giovani.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Creatività
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204795
Mail: pg.creativita@comune.padova.it

Scambio giovanile in Georgia

Oriel association è alla ricerca di 7 partecipanti tra i 18 e i 30 anni, italiani e/o residenti in Italia per uno scambio giovanile in Georgia,  focalizzato sulla realizzazione di fumetti.

Dove: Bakuriani, Georgia
Quando: dal 7 al 17 ottobre 2019
Paesi partecipanti: Gran Bretagna, Finlandia, Italia, Ucraina, Armenia e Georgia
Scadenza candidature: 15 agosto 2019

Il progetto

Arty way to Activeland” è uno Youth Exchange focalizzato sulla realizzazione di fumetti. Durante il progetto verranno realizzati sia fumetti tradizionali che digitali. I partecipanti passeranno attraverso un corso intensivo base su come strutturare un fumetto e sulla sua potenza in quanto mezzo educativo e d’espressione. Le problematiche da osservare attraverso questo mezzo saranno la marginalizzazione giovanile e la difficoltà dei giovani di prendere parte ai processi decisionali, specialmente nelle aree rurali.

Obiettivi del progetto

L’obiettivo è incrementare le loro opportunità di coinvolgimento nella sfera internazionale ed interculturale, nonché supportare lo sviluppo di futuri progetti Erasmus+.
Per i partecipati sarà prevista una fase di creazione di una piccola bozza e di un abstract di personaggio ancora prima della partenza. Non è quindi condizione necessaria avere già delle basi di disegno, ma sarebbe un interessante plus.

Vitto e alloggio sono completamente coperti dall’associazione ospitante. Le spese di viaggio sono rimborsate al 100% fino a un massimo di 360 euro. Il partecipante, solo dopo essere stato selezionato, sarà tenuto a pagare la quota annuale dell’associazione Oriel del costo di 35 euro.

Come partecipare

Per avere maggiori informazioni e/o presentare la propria candidatura, scrivere a orielassociationprojects2019@gmail.com inviando una lettera motivazionale in inglese e il proprio curriculum in italiano e/o in inglese.

Per informazioni
Oriel Association
Mail: orielassociationprojects2019@gmail.com
Tel.: 3471682976

MAC | Makers Artisti Creativi 2019

L’ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova promuove la nuova edizione di MAC, una call rivolta a giovani creativi, makers, artigiani e artigiani digitali, artisti visivi e multimediali, designer e web designer under 35 che risiedono, studiano o lavorano in Veneto, per l’assegnazione di massimo 4 postazioni di lavoro condivise in uno spazio situato in Piazza De Gasperi a Padova.

Le candidature devono essere presentate, secondo le modalità indicate nel bando, entro e non oltre le ore 24:00 di lunedì 30 settembre.

Gli assegnatari potranno usufruire gratuitamente per 10 mesi (ottobre 2019 – agosto 2020) di una postazione di lavoro ed essere supportati concretamente nello sviluppo di un proprio progetto di attività artistico-artigianale-creativa attraverso le fasi di ideazione, progettazione, produzione e vendita delle proprie realizzazioni.

MAC offre formazione specialistica e consulenze personalizzate con professionisti del settore.

Inoltre, durante il percorso, gli assegnatari delle postazioni potranno fare richiesta di contributo per lo sviluppo del proprio progetto e accedere a forme di finanziamento agevolate per l’avvio d’impresa.

MAC intende avviare un’importante operazione di rigenerazione urbana attraverso le pratiche creative, per contribuire alla riattivazione dell’area urbana di Piazza De Gasperi a Padova. L’obiettivo è di proporre nuove funzioni sociali e culturali in contesti urbani che necessitano di essere rigenerati.

Tutti i dettagli sono disponibili nel bando.

Scarica il bando

Cosa chiede MAC

Ai selezionati verrà chiesto di:

  • garantire una presenza giornaliera costante e continuativa per almeno 6 ore al giorno per 5 giorni a settimana (variabili da lunedì alla domenica) in modo da mantenere vivo e dinamico lo spazio assegnato.
  • partecipare ad almeno il 90% della formazione;
  • realizzare un ciclo di incontri/workshop aperti alla cittadinanza e afferenti a tematiche vicine al proprio percorso di ricerca e alla propria pratica, andando a comporre un programma di incontri;
  • favorire un clima di partecipazione e collaborazione, in modo da incentivare gli scambi di saperi, conoscenze e pratiche tra i co-workers;
  • contribuire alla riattivazione della zona in cui lo spazio è inserito attraverso la partecipazione ad attività in essere o immaginandone delle nuove;
  • partecipare a momenti pubblici di presentazione del progetto in altri contesti e attività realizzate dall’Ufficio e dai partner;
  • rendersi disponibili e contribuire tramite i propri contatti e strumenti social a raccontare e diffondere la propria esperienza all’interno di MAC.

Sono, inoltre, a cura dei co-worker l’ordine e la pulizia della propria postazione e degli spazi condivisi.

Come candidarsi

Materiali richiesti:

  • curriculum vitae;
  • breve portfolio che illustri il percorso artistico/creativo e il lavoro di ricerca dell’autore;
  • idea progettuale da sviluppare in caso di assegnazione di una postazione di co-lab (500 parole max);
  • ipotesi di incontro/workshop da organizzare presso lo spazio, indicando il tema, il target di riferimento,
  • gli eventuali ospiti/relatori da coinvolgere (500 parole max).

Le candidature devono essere inviate via mail all’indirizzo pg.creativita@comune.padova.it entro e non oltre le ore 24:00 di lunedì 30 settembre, con oggetto “CANDIDATURA MAC 2019”.

In caso di invio di file molto pesanti utilizzare wetransfer, yousendit o simili.

La partecipazione è gratuita.

Che cos’è MAC

Gli interventi di promozione della creatività giovanile e l’incentivo alla produzione artistico-creativa sono strategici e parte integrante dei processi di innovazione sociale, culturale ed economica necessari per lo sviluppo della città e della sua comunità.

In quest’ottica, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova, attraverso il progetto MAC offre la possibilità di utilizzare uno spazio di sperimentazione volto a favorire e far emergere il potenziale dei giovani in un’ottica di inclusione imprenditoriale.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Creatività
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204795
Mail: pg.creativita@comune.padova.it

Un italiano a Nottingham

BJCEM (Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo) è un network internazionale fondato nel 2001 con l’obiettivo di creare nuove opportunità per giovani creativi e artisti. BJCEM, di cui è antenna locale anche l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova, crede fermamente nel ruolo che possono giocare arte e cultura nella società, al fine di favorire il rispetto e la comprensione per la diversità, scoprire e imparare i valori delle diverse culture che abitano la contemporaneità.

Alla vigilia dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, UK Young Artist e BJCEM hanno lanciato un bando per partecipare all’evento City Takeover: Nottingham 2019, che si è proposto come un momento provocatorio, un progetto che ha immerso i visitatori in una serie di straordinarie, innovative opere contemporanee. Sono stati oltre 200 gli artisti provenienti da tre diversi continenti che, attraverso arti visive, performance, musica e parole, hanno animato spazi culturali e luoghi insoliti della città di Nottingham.

Tra gli artisti italiani selezionati dall’Italia, abbiamo incontrato Fabio Ranzolin, che ha avuto l’occasione di partecipare attivamente a City Takeover e raccontarci cosa ha significato per lui.

Le foto sono di Reece Straw.

Quanto è stato importante per te poter partecipare a Nottingham City Takeover?

Molto. Sicuramente ti rendi conto che si tratta di un’esperienza fuori dall’ordinario, che ti dà l’opportunità di relazionare il tuo lavoro con quello di altri artisti coetanei, soprattutto internazionali. Convivere con centinaia di artisti da tutta Europa mette alla prova l’attitudine a relazionare il proprio lavoro con approcci diversi da quelli che hai imparato, innescando sorprendenti meccanismi mentali arrugginiti. Scopri così delle somiglianze ed assonanze comuni, che uniscono il pensiero della nostra generazione. Un’esperienza che senz’altro arricchisce, rinfresca le idee e stimola il pensiero.

Quanto sei riuscito a relazionarti con gli altri artisti?

Ritornato a casa mi rendo conto che questo progetto sembra proprio stato concepito per questo. Come spesso accade, all’estero capiscono il presente e il futuro in maniera più limpida che in Italia. È ormai chiaro che oggi l’approccio più funzionale sia quello di fare rete, intessendo sempre più connessioni tra noi artisti e figure del settore.

A Nottingham si percepiva la ruvida sensazione della brexit: qualcosa di decisivo cambierà le loro prospettive e la paura è quella di sentirsi soli, in un’isola senza Unione. Tutto il programma, quindi, era cadenzato per creare situazioni di incontro, in cui ogni protagonista poteva avere l’opportunità di condividere il proprio sentire ed il proprio lavoro.

È in situazioni come queste che gli incontri che fai e gli stimoli che accogli ti aiutano a collocare e ridimensionare la tua persona e il tuo lavoro.

Differenze tra Italia e UK nella ricezione del contemporaneo?

Non mi sento di avere un’adeguata risposta al riguardo senza dire banali ovvietà.

Mentre hai notato differenze o somiglianze tra Padova e Nottingham?

[Ride] In qualche modo sì, devo dire. È ovviamente una mia impressione, ma ho trovato parecchie somiglianze. Nottingham è una città piccola e vitale, ben servita e vibrante di giovani realtà. Sembra un centro aperto e fertile per iniziative ed eventi, tuttavia il bacino di interesse rimane marginale. Questa mia impressione si riflette sull’arte contemporanea. La risposta e l’attenzione dei cittadini agli eventi quotidiani gratuiti, ben pubblicizzati ed eclettici di UKYA richiamava a sé un basso numero di fruitori locali, ironicamente adulti. Esattamente ciò che succede a Padova! Seppur la città veneta si impegni costantemente con iniziative per giovani nel campo dell’arte, fatica a catturare l’attenzione della nostra generazione.

Nella tua opera, Have you ever tried to enjoy yourself with a pair of socks?, alludi a pratiche sessuali e all’autoerotismo, ma al contempo la lastra di marmo riconduce il discorso alla morte e alla sofferenza. Eros e Thanatos quindi. Che rapporto hanno queste due componenti nella tua poetica?

Il rapporto diretto che hanno nella vita di tutti noi. La mia poetica tenta di narrare le sfumature della nostra identità in quanto specie e in quanto cultura. Il lavoro che è stato selezionato è intrinseco di una leggerezza cupa e di un’ironia acre. I due calzini flosci pendono come due bistecche e sbucano da due orifizi su un corpo di marmo, orizzontale come quando verrà sepolto. Con il mio lavoro produco immagini, connessioni e costanti equivoci, nella speranza che il maggior numero di persone vi si identifichi.

In generale, quanto della tua storia o del tuo vissuto è presente nel tuo lavoro?

Si cerca sempre di non somigliare mai ai propri genitori. Ci si impegna, davvero! Con la convinzione di essere custodi di una consapevolezza, un senso critico, civico e un saper stare al mondo diverso da coloro che ti hanno cresciuto. Tutti noi siamo figli di qualcuno, ma siamo davvero una loro miglioria? Ci sono dei momenti, credetemi tragici, in cui mi accorgo che le insicurezze di mia madre mi inseguono come il cinismo di mio padre che mi direziona.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Creatività
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204795
Mail: pg.creativita@comune.padova.it

Step by step 2019

step by step 2019

Gli artisti che prenderanno parte all’edizione 2019 di Step by Step.

  • Damiano Ballarin
  • Cristian Bertolin
  • Ophelia Borghesan
  • Martina Camani
  • Francesca Marcolin
  • Nicolò Masiero Sgrinzatto
  • Giorgia Merlin
  • Martina Mura
  • Andrea Pelizzaro
  • Denise Peron
  • Maria Pilotto
  • Eleonora Reffo
  • Alberto Rossi
  • Enrico Scalcerle
  • Daniele Zoico

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Creatività
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204795
Mail: pg.creativita@comune.padova.it

StArt – Studi per l’arte | Call

Scadenza prorogata al 25 settembre.

Padova Ospitale Onlus, Studio Alcor Commercialisti S.p.A. stp, Studio Eulex Avvocati Associati, Cescot Veneto e Frase Contemporary Art, in collaborazione con l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova, promuovono la seconda edizione di StArt_ Studi per l’Arte.

Qui il catalogo della prima edizione

Il bando

È aperto il bando rivolto ad artisti under 30 che potranno parteciparvi con opere di arte contemporanea quali sculture, fotografie, opere pittoriche, illustrazioni, video, installazioni e nuove tecnologie per l’arte.

La partecipazione è gratuita. Il termine entro il quale le domande di partecipazione, con i documenti indicati nel bando, dovranno pervenire entro il 30 agosto 2019 25 settembre.

Tutti i dettagli per la partecipazione sono riportati nel bando.

Scarica il bando

StArt_Studi per l’Arte

Il progetto espositivo è finalizzato, da un lato, a promuovere la cultura e le arti visive contemporanee, dall’altro, a valorizzare il ruolo sociale e culturale delle libere professioni.

Il progetto nasce, infatti, per mettere in relazione giovani artisti, professionisti, clienti e altre persone interessate alla cultura, e in particolare all’arte contemporanea, con l’obiettivo di avvicinare il mondo delle arti visive contemporanee ai settori produttivi professionali locali.

Durante il periodo espositivo, da ottobre 2019 a marzo 2020, i professionisti apriranno le porte di prestigiosi studi cittadini ospitando le opere dei 10 giovani artisti che saranno selezionati, verranno inoltre realizzati eventi collaterali e incontri di approfondimento su tematiche legate al mondo dell’arte contemporanea. A conclusione del periodo espositivo, le opere dei 10 artisti saranno riunite ed esposte in una mostra collettiva.

Tra gli artisti selezionati saranno, inoltre, proclamati tre vincitori di altrettanti premi.

Per informazioni
StArt Padova
Mail: info@startpadova.it

Step By Step 2019 – Call per artisti

step by step 2019

L’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova promuove una call per la selezione di giovani artisti per Step By Step, progetto per le arti visive contemporanee realizzato in collaborazione con il Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova, giunto quest’anno alla sua quindicesima edizione.

Step By Step è un progetto a cura di Guido BartorelliGiovanni Bianchi e Stefania Schiavon, che prevede un percorso formativo per la costruzione di un ciclo di mostre collettive realizzate da artisti e curatori emergenti nei mesi di ottobre e novembre 2019.

Il progetto

Il progetto coinvolgerà complessivamente 15 giovani artisti visivi e 15 giovani curatori, che condivideranno un percorso di lavoro comune e di formazione da luglio a novembre 2019, per apprendere e seguire tutte le fasi di organizzazione e realizzazione di un’esposizione.

Step By Step vuole dare la possibilità a giovani curatori e ad artisti emergenti under 35 di misurarsi nella dinamica curatoriale in un contesto reale, concreto e pratico per sperimentare e attivare prassi e modelli dell’arte contemporanea.

Artisti e curatori seguiranno tutte le fasi che portano alla realizzazione di una mostra: dal primo sopralluogo alla valutazione di fattibilità, dall’allestimento all’inaugurazione, fino allo smontaggio.

Come partecipare

La call è rivolta a:

  • artisti under 35 (anche non iscritti all’archivio Gai) che operano nel territorio di Padova e provincia;

Per candidarsi è necessario inviare una email, completa di tutta la documentazione richiesta nel bando, all’indirizzo pg.creativita@comune.padova.it entro il 20 giugno 2019. Nell’oggetto va indicato “CANDIDATURA STEP BY STEP – NOME COGNOME“.

Le selezioni saranno effettuate da una commissione composta dai curatori del progetto e dagli operatori dell’area Creatività dell’Ufficio Progetto Giovani, che individueranno complessivamente 15 artisti visivi, selezionati tramite il presente bando e tra gli artisti già iscritti all’Archivio GAI di Padova.

Il giudizio della commissione è insindacabile. I risultati delle selezioni verranno comunicati a partire dal 24 giugno 2019.

Qualora selezionati, gli artisti saranno tenuti a seguire e partecipare a tutte le fasi del percorso formativo.

Maggiori informazioni sulle modalità di candidatura sono disponibili all’interno del bando.

Scarica il bando completo

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Creatività
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204795
Mail: pg.creativita@comune.padova.it

Piazza con vista – Arte pubblica tra esperienze e racconti

Venerdì 17 maggio, dalle 14:00, l’ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova organizza un pomeriggio di approfondimenti e workshop in piazza De Gasperi per il finissage del progetto “LUME“.

L’iniziativa realizzata grazie alla collaborazione di Cescot Veneto, nell’ambito del progetto “Sun City – Social Urban Neighborhoods in the City” codice 15-1-1267-2017 finanziato dalla Regione Veneto – POR FSE 2014-2020.

Scarica il programma

Il programma

14:00 -17:00 | civico 13, MAC

Genius Loci: raccontare l’identità dei luoghi

Cominciare una narrazione di piazza de Gasperi a partire dalle persone.
Workshop per artisti e operatori under 35 del circuito GAI (Giovani Artisti Italiani)

Conduce Patrick Grassi, regista.

17:00 | portici civico 13

Registrazione e accoglienza

Racconti dalla Piazza

Attraverso i dispositivi attivati durante il workshop, gli artisti intercetteranno pensieri, riflessioni, piccole storie di abitanti, commercianti e “attraversatori” di piazza De Gasperi.

Introducono Marco Serraglio, direttore Cescot Veneto e Stefania Schiavon, coordinatrice area Creatività, Ufficio Progetto Giovani.

18:00 | Piazza De Gasperi

Conversazioni con aperitivo

Fuori dagli spazi convenzionali, artisti e operatori culturali mettono al centro del proprio lavoro le persone, la comunità e il territorio. Un dialogo a più voci, sorseggiando un bicchiere di vino, in occasione del finissage di LUME, per condividere potenzialità, visioni e immaginari raggiungibili quando l’esperienza culturale diviene pratica di relazione e condivisione.

  • I progetti culturali come esperienza di relazione | Beatrice Sarosiek, progettista in ambito culturale e audience development;
  • Luce: materia immateriale per l’opera d’arte | Giovanni Bianchi, professore di storia dell’arte contemporanea – Università di Padova;
  • LUME: un progetto di arte pubblica per Piazza De Gasperi | Anna de Manincor, collettivo artistico ZimmerFrei.

Conduce Nicola Di Croce, ricercatore IUAV.

21:00 Chiusura e saluti

In caso di pioggia, gli incontri si terranno presso Tech Station Padova, in via Trieste, 1.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Creatività
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204795
Mail: pg.creativita@comune.padova.it

Residenza d’artista tra Treviso e Venezia

Il Comitato Civico A’ncora, Forcoop CORA Venezia e INN Veneto lanciano un bando rivolto ad artisti italiani per 5 residenze d’artista tra Treviso e San Donà di Piave da maggio a ottobre 2019.

La residenza offre un’opportunità agli artisti per dare vita a spazi ibridi in grado di coniugare produzione e fruizione creativa ed artistica, con altre fruizioni legate al lavoro, all’innovazione sociale, all’inclusione sociale.

La residenza rappresenta un’occasione di crescita e scambio artistico e professionale, una possibilità per sperimentare incoraggiando gli artisti a intraprendere nuove ricerche e ampliare la propria rete di contatti.

La residenza

Obiettivo del progetto è ridare vita agli spazi ibridi delle città attraverso azioni di sostegno allo sviluppo creativo ed artistico del territorio di San Dona’ di Piave e Treviso anche riportando in Veneto artisti trasferitesi all’estero, che per qualche mese ritorneranno al paese d’origine con la mission di dare nuove idee e proposte concrete per la rigenerazione di alcuni luoghi del territorio attraverso varie forme artistiche tra cui Land Art, musica e arte ceramica.

Obiettivo è la rivitalizzazione di due importanti aree: a San Dona’ di Piave gli “spazi vuoti” in situazione di degrado e abbandono come le gallerie del centro città, la vecchia Cisterna e la valorizzazione del Fiume Piave; aTreviso le ex fabbriche di ceramica Pagnossin con il progetto Opendream.

Sono selezionati un artista per ogni categoria, è possibile presentare un solo progetto su uno dei seguenti temi:

  • Land Art;
  • Video Art;
  • Street Art;
  • Teatro di Strada;
  • Arte Relazionale.

La scadenza per le candidature è 30 aprile 2019 alle 14:00. Per tutte le informazioni e per le modalità di candidatura consultare il bando completo.

Candidati anche tu

Per informazioni
Forcoop Cora Venezia
Galleria Vidussi 9, San Dona’ di Piave
Tel.: 0421 307741
Mail: forcoop@progettagroup.com