Archivi tag: Fotografia

Through Our Eyes – Mostra fotografica

Il Comune di Padova – Assessorato alla Cultura e Ufficio Progetto Giovani del Gabinetto del Sindaco – in collaborazione con l’Associazione Ong Italo-Greca “Still I Rise” presenta la mostra “Through Our Eyes“.

Il progetto fotografico è nato all’interno del corso di fotografia di Mazì, il centro giovanile aperto il 6 agosto del 2018 dalla Ong fondata da Nicolò Govoni, Giulia Cicoli e Sarah Ruzek. Il corso è stato guidato da Nicoletta Novara, insegnante e coordinatrice di Still I Rise.

La mostra è allestita presso l’aula didattica del Museo Eremitani ed è visitabile dall’8 al 27 ottobre, in orario 9:00-19:00 ogni giorno tranne il lunedì.

L’ingresso è libero e le visite sono organizzate ogni 30 minuti.

Il progetto

La mostra raccoglie circa 200 scatti che gli studenti hanno realizzato per testimoniare la vita all’interno del campo profughi di Samos, isola greca ad appena un chilometro di mare dalla Turchia, uno dei primi centri di approdo per i tanti migranti che scappano dall’Afghanistan, dall’Iran, dalla Siria, ma anche dalla Repubblica Democratica del Congo.

Gli scatti sono suddivisi in quattro sezioni che rappresentano la vita quotidiana degli studenti: “Attraverso i nostri occhi” (Ritratti), “Sopravvivere dentro” (Infanzia), “Nell’attesa” (Fuori dal campo) e “Alle porte d’Europa” (Dentro il campo).

Through Our Eyes” è diventata ben presto una mostra itinerante esposta in Italia, ma anche nella stessa Grecia, in Inghilterra e prossimamente in America (alla Columbia University e alla Pennsylvania University).

Ottavia Brussino, la curatrice della mostra, ha lanciato da poco tramite la pagina Facebook “Through Our Eyes” una call for action a cui stanno rispondendo persone da tutto il mondo. Un modo per chiamare a raccolta quante più persone possibili e mostrare quello che sta accadendo alle porte d’Europa.

Hanno parlato del progetto fotografico “Through Our Eyes” importanti quotidiani e riviste come “The New Yorker”, “Internazionale”, “Tpi” e “The Guardian”.

Per informazioni
Thorugh Our Eyes

“RACCONTAMI UN POSTO” CON-CORSO DI STORYTELLING PER PAROLE E IMMAGINI

Posso accedere? è la domanda che molte persone si fanno e pongono quando devono recarsi in un luogo, ma Posso accedere? è anche la domanda che sottende all’incontro con l’altro: posso accedere alla tua esperienza? Posso accedere al mondo dal tuo punto di vista? 

Anche lo scrittore e il fotografo fanno la stessa domanda ai propri personaggi: si mettono nei loro panni per sentire quello che sentono loro, vedere quello che vedono, percepire quello che percepiscono. Ma come sente e vede il mondo una persona sorda, una persona con il passeggino, una persona cieca, un anziano? In linea con l’accessibilità universale cui vuole sensibilizzare il progetto Padova per tutti, la scrittura e la fotografia possono essere un’occasione utile per comprendere l’esperienza dell’accessibilità in un modo nuovo.

IL CORSO
a cura di Alessandro Busi, Lorenzo Scaldaferro, Simona Zedda per COSPE Onlus

COSPE Onlus nell’ambito del progetto PADOVA per TUTTI, propone un corso inclusivo di 10 incontri della durata di 2 ore circa ciascuno, presso gli spazi del CSV (Centro Servizi Volontariato) di Padova.

In questo percorso, i partecipanti si metteranno in gioco con la scrittura breve, non finalizzata solo alla produzione di un testo letterario, ma con l’attenzione puntata alla costruzione di un’esperienza altra dalla propria. Per fare ciò, lo strumento privilegiato sarà quello dell’intervista come strumento di interazione.
Prendendo a modello il progetto Humans of New York di Brandon Stanton, ma anche di altri autori che hanno fatto della brevità il loro punto di forza, vedremo come sia possibile raccontare una storia in poche righe, come sia possibile intervistare senza essere invadenti, affinché ogni partecipante possa costruire un proprio set di domande utile a esplorare l’accessibilità e la disabilità nel proprio modo peculiare.
Gli incontri di fotografia prevedono una prima fase tecnica in cui si impareranno le basi della fotografia (ISO, Diaframmi e Tempi), della luce e della post produzione (il file raw, una post produzione semplice, naturale, spontanea, in linea con il progetto). Successivamente ci si confronterà sulla fotografia di ritratto vedendo alcuni importanti esempi e facendo poi degli esercizi pratici in classe. Si cercherà di trasmettere il senso intimo del ritratto, quella connessione unica che si può creare tra fotografo e soggetto e che traspare dal ritratto stesso in quanto immagine sincera della persona immortalata.

Nel corso di ogni incontro si alterneranno momenti pratici e teorici, privilegiando una modalità di apprendimento partecipato ed esperienziale. Fra un incontro e l'altro verranno assegnati ai partecipanti esercizi che funzionino come stimolo per la produzione di testi e foto proprie.

Il corso vedrà un primo incontro di contestualizzazione sul turismo responsabile e accessibile (a cura di Simona Zedda) e continuerà con dieci incontri di 2 ore ciascuno per sviscerare le modalità dell’intervista (con Alessandro Busi) e la fotografia ritrattistica (con Lorenzo Scaldaferro) per imparare a produrre una propria foto intervista sul modello Humans of New York di Brandon Stanton. Conoscere l’altro e il suo viaggio quotidiano nell’accessibilità.

 

I DOCENTI
Alessandro Busi: (psicologo e psicoterapeuta) oltre a una formazione in ambito clinico, lavora con adolescenti e adulti in vari contesti di gruppo. Parallelamente, nel corso degli anni, ha approfondito lo studio della scrittura creativa, sia come passione personale, sia come strumento in ambito psicologico.

Lorenzo Scaldaferro: fotografo, regista professionista e giornalista. Si occupa prevalentemente di immagini commerciali, ma ha sempre avuto un’attenzione ai temi culturali e sociali. Esperienza decennale come docente di fotografia presso la Scuola Internazionale di Comics. Autore di numerosi documentari ed esposizioni.

Simona Zedda: semiologa specializzata nel rapporto tra comunicazione turistica, sviluppo turistico-territoriale e networking; coordina iniziative ed eventi di impatto sociale, culturale ed ambientale. Per IT.A.CÀ migranti e viaggiatori si occupa di progettazione turistica responsabile e accessibile.

ATTREZZATURA FOTOGRAFICA
Per la partecipazione al corso sarà necessario avere a disposizione una macchina fotografica, sia durante le lezioni per mettere in atto in tempo reale gli argomenti trattati durante il corso, sia per gli esercizi a casa e la partecipazione al concorso “Raccontami un posto”. La fotocamera ideale è una Reflex digitale o una mirrorless, ma non è indispensabile… la miglior camera è quella che hai con te, qualsiasi macchina fotografica è ammessa, fosse anche quella dello smartphone. Si consiglia anche la disponibilità di un computer, meglio se dotato di Photoshop.

ACCESSIBILITA’ DEL CORSO
L’incontro introduttivo è accessibile a persone con disabilità visiva, motoria e a *persone sorde; gli incontri di scrittura creativa sono accessibili a persone con disabilità visiva e motoria; gli incontri di fotografia sono accessibili a persone con disabilità motoria e *persone sorde.
*(per le persone sorde è garantito il servizio di interpretariato LIS/IT)
La sala è accessibile e sono presenti wc per persone con disabilità.

CHI PUO’ PARTECIPARE
Tutti e tutte dai 18 anni in su.
La partecipazione al corso è ammessa fino ad un numero massimo di n.20 iscritti.

Il corso prevede la partecipazione a tutti gli incontri, sia di scrittura creativa sia di fotografia (eccetto per le persone con disabilità, vedi dettagli nella sezione accessibilità);  è necessario partecipare almeno 70% delle lezioni per il conseguimento di un attestato di partecipazione.

IL CONCORSO
Nell'ambito del progetto PADOVA per TUTTI è in programma a inizio 2020 il concorso multidisciplinare RACCONTAMI UN POSTO (responsabile e accessibile).
Gli interessati verranno invitati a ricercare esperienze di viaggio responsabile e accessibile, attraverso la produzione di foto interviste sul modello del progetto “Humans of New York” di Brandon Stanton.
Sulla pagina Facebook del progetto PADOVA per TUTTI verrà pubblicato un album con i lavori dei partecipanti, dando la possibilità al pubblico di votare con un “mi piace” i loro preferiti. Una giuria di esperti poi, sceglierà i 3 lavori da premiare in occasione dell’edizione dedicata al turismo responsabile e accessibile del Festival IT.A.CÀ, in programma a Padova e dintorni a primavera 2020. Inoltre tutti i lavori dei partecipanti verranno esposti in una mostra dedicata.

“Raccontami un posto”: il contest per conoscere il mondo
Raccontami un posto è la tua opportunità di raccontare quel pezzo di mondo che hai vissuto a chi ancora non lo conosce, di abbattere i pregiudizi e le paure, di incuriosirci e di farci capire che, dopotutto, non ci vuole tanto: basta sgomberare la mente dai pregiudizi e bagnarsi nel fiume del viaggio, con curiosità e voglia di scoprire.
E’ un format di IT.A.CÀ Migranti e viaggiatori, Festival del turismo responsabile, riadattato al tema dell’accessibilità nell’ambito del progetto PADOVA per TUTTI .

PADOVA per TUTTI
Il progetto “PADOVA per TUTTI - laboratori, formazione, concorsi, eventi per la città accessibile” prevede una serie di iniziative che hanno per obiettivo quello di promuovere una riflessione intorno al tema dell’accessibilità urbana e proposte di turismo padovano “per tutti” sapendo che una città più accessibile per i turisti lo sarà anche per i residenti. Il progetto è promosso da Associazione Vite in Viaggio e COSPE onlus, in collaborazione con Cooperativa Sociale Polis Nova, IT.A.CA’ - Migranti e Viaggiatori, festival del turismo responsabile, Festival della lentezza, libreria Pangea, CSV Padova, patrocinato dal Comune di Padova e sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio Padova e Rovigo nell'ambito del Bando Culturalmente 2017.
www.padovapertutti.it
Evento facebook

 

 

Atelier Toselli 3.0 – Fotografia digitale

Venerdì 20 dicembre, dalle 14:30 alle 19:30, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova organizza un laboratorio di fotografia digitale.

Il workshop rientra nel ciclo Atelier Toselli 3.0, workshop abilitanti all’uso delle attrezzature digitali a disposizione per il prestito gratuito presso il MakersLab PG Toselli 3.0, dedicato ai makers e ai nuovi artigiani digitali.

L’incontro si svolgerà presso il MakersLab PG Toselli 3.0 di piazza Caduti della Resistenza, 7. La partecipazione è gratuita e riservata ai giovani under 35, ma è richiesta la registrazione online.

È necessario portare un laptop. È possibile installare una versione di prova della durata di 30 giorni dei software utilizzati durante il corso.

Iscriviti qui

Il corso

Il workshop intende fornire le conoscenze tecniche fondamentali per approcciarsi alla fotografia digitale, far scoprire l’attrezzatura fotografica in dotazione al makerslab PG Toselli 3.0 idonea al prestito gratuito e mostrare alcune basi di funzionamento di Adobe Photoshop per la post-produzione.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Animazione
via Altinate, 71 -35121 Padova
Mail: padovapglabs@gmail.com

Atelier Toselli 3.0 – Camera oscura

Venerdì 22 novembre, dalle 14:30 alle 19:30, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova organizza un laboratorio di introduzione all’uso della camera oscura.

Il workshop, a cura di Mauro Evola, rientra nel ciclo Atelier Toselli 3.0, ciclo di workshop abilitanti all’uso delle attrezzature digitali a disposizione per il prestito gratuito presso il MakersLab PG Toselli 3.0, dedicato ai makers e ai nuovi artigiani digitali.

L’incontro è dedicato ad appassionati che vogliono conoscere lo spazio, ma anche a giovani incuriositi dal mondo della fotografia analogica. Il workshop si svolgerà presso la camera oscura di via Dottesio, 4.

La partecipazione è gratuita e riservata agli under 35, ma è richiesta la registrazione online.

Iscriviti qui

Il corso

Camera Oscura Toselli è uno spazio pubblico a cui si può accedere gratuitamente su richiesta, in seguito ad un primo incontro informativo che permetta ai giovani di essere in grado di gestire correttamente l’attrezzatura presente nella struttura.

Attraverso il workshop abilitante si avrà non solo la possibilità di soddisfare questo pre-requisito, ma anche di entrare in contatto con la teoria base di sviluppo e stampa in camera oscura e toccare con mano le attrezzature.

Il formatore

Mauro Evola, classe 1978. Siciliano di nascita ma veneto di adozione. Laureatosi in Lettere a Padova, insegna Italiano, Storia e Geografia negli Istituti secondari di I e II grado. Da 5 anni è un appassionato di fotografia analogica, ma non disdegna il digitale. Predilige la street photography e il ritratto.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Animazione
via Altinate, 71 -35121 Padova
Mail: padovapglabs@gmail.com

Bando per fotografi d’architettura

Il Museo di Fotografia Contemporanea, in collaborazione con la Triennale di Milano, apre un bando per selezionare 5 fotografi di architettura under 40 incaricati di produrre una documentazione fotografica di una selezione di 120 architetture contemporanee italiane.

Il bando

Il bando si pone i seguenti obbiettivi:

  • promuovere la diffusione e la conoscenza dell’architettura contemporanea italiana attraverso l’implementazione della piattaforma Atlante Architettura Contemporanea” con nuove campagne fotografiche;
  • promuovere lo sviluppo della cultura fotografica contemporanea e stimolare la produzione e la creatività dei giovani fotografi attraverso l’affidamento di incarichi di committenza pubblica;
  • promuovere la conoscenza dell’architettura contemporanea, attraverso la realizzazione di una mostra presso il MUFOCO e la pubblicazione del relativo catalogo.

Il Progetto prevede la documentazione completa di 24 edifici (la cui lista completa è consultabile in questo allegato) per ogni fotografo.

Le architetture da fotografare selezionate sono distribuite sull’intero territorio nazionale, suddivise i 5 macro-aree; a ciascun fotografo sarà assegnata una di queste aree da documentare.

Per tutte le informazioni sul progetto è possibile consultare il bando completo seguendo questo link.

Come partecipare

La partecipazione al bando, riservata a fotografi under 40, è gratuita e richiede la presentazione dei seguenti documenti:

  • modulo di partecipazione;
  • lettera di motivazione (1 pagina A4 in formato .pdf, massimo 2000 battute);
  • CV sintetico (massimo 4 pagine) e portfolio (in formato .pdf, della dimensione massima di 3MB).

I documenti dovranno essere inviati tramite e-mail all’indirizzo atlantearchitettura2019@mufoco.org entro e non oltre le 12:00 del 26 agosto 2019.

Per informazioni
Museo di Fotografia Contemporanea
Mail: info@mufoco.org
Tel.: 02 6605661

Corso base di fotografia

Da mercoledì 10 luglio, l’ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova realizza il “Corso base di Fotografia”.

Attraverso 4 incontri e 1 uscita fotografica, il corso si rivolge a chi vuole allargare i propri orizzonti sul mondo della fotografia imparando a sfruttare al meglio le potenzialità offerte dalle odierne macchine fotografiche.

Gli incontri si svolgono dalle 17.00 alle 19.00, nelle seguenti date:

  • mercoledì 10 luglio
  • giovedì 11 luglio
  • mercoledì 17 luglio
  • giovedì 18 luglio (Uscita fotografica)
  • mercoledì 24 luglio

Attrezzatura richiesta

È richiesto il possesso di una fotocamera a controlli manuali.

La partecipazione è gratuita ma è richiesta la registrazione attraverso il modulo online. L’attività è riservata ai giovani under 35, fino a un massimo di 10 partecipanti.

Iscriviti al corso

Il Corso

Il corso intende fornire le conoscenze tecniche fondamentali per un utilizzo più consapevole della propria fotocamera (reflex o mirrorless).

Dopo un primo momento conoscitivo, in cui verranno ascoltate le richieste dei singoli partecipanti, si partirà con la presentazione degli aspetti riguardanti il controllo manuale delle impostazioni di scatto.

L’apprendimento sarà facilitato da una serie di esercitazioni pratiche svolte in autonomia e visionate durante gli incontri. Verranno inoltre suggeriti nomi di fotografi e registi che, con le loro opere, hanno segnato il panorama della “Cultura visuale”.

Programma

  • Scelta della lunghezza focale
  • Inquadratura
  • La fotocamera e i parametri dello scatto: sensibilità ISO, otturatore, diaframma
  • Esposizione
  • Messa a fuoco e profondità di campo
  • File Jpeg e Raw
  • Elaborazione dei file Raw tramite software proprietario

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Informagiovani
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204742
Mail: informagiovani@comune.padova.it

Fotografare il parco – contest di fotografia

Quattro grandi parchi nazionali, il Parco Nazionale dello Stelvio, l’Ente Parco Nazionale Gran Paradiso, l’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e il Parc national de la Vanoise organizzano “Fotografare il Parco“, il concorso fotografico dedicato a tutti, cittadini, dilettanti e professionisti.

L’iscrizione al concorso va eseguita entro il 30 settembre 2019, il concorso beneficia del patrocinio di Alparc (Rete delle Aree Protette Alpine) e di Federparchi.

Il concorso

“Fotografare il Parco” è  uno dei principali contest di fotografia naturalistica di montagna. È un’occasione di collaborare nella valorizzazione delle aree protette. Le immagini partecipanti al concorso possono essere utilizzate nelle pubblicazioni, nella realizzazione di mostre e pubblicate su media nazionali e sui siti web e i canali social dei parchi organizzatori.

Sono quattro le categorie a cui è possibile iscrivere le proprie foto:

  • Paesaggi del Parco;
  • Fauna selvatica del Parco;
  • Micromondo del Parco e dettagli naturali;
  • Mondo vegetale del Parco.

Ai vincitori assoluti e di categoria sono assegnati importanti premi in denaro, oltre a soggiorni nelle quattro aree protette e abbonamenti a “La Rivista della Natura“, media partner del concorso. La giuria inoltre assegna un premio speciale alla foto che nell’ambito della categoria “Paesaggi del Parco” meglio rappresenta e interpreta l’effetto del secolare lavoro dell’uomo sui paesaggi dei quattro parchi.

Scarica il bando

Come partecipare

Ogni autore può concorrere alle quattro categorie previste dal regolamento, presentando fino a quattro fotografie per sezione, a colori o in bianco e nero. La partecipazione al concorso è gratuita.

Per iscriversi è necessario compilare l’apposito form di iscrizione entro il 30 settembre 2019. È possibile inviare le fotografie via mail o per posta su CD o chiavetta USB.

Per informazioni
Fotografare il Parco

YouthLead – Concorso fotografico

Il progetto YouthPower Learning, finanziato dalla US Agency for International Development, promuove “Youthlead photo contest“, il concorso fotografico rivolto a tutti i giovani “changemakers” che desiderano raccontare le attività che generano cambiamento globale a partire dalle proprie comunità. Iscrizioni entro il 31 maggio 2019.

Il concorso

La competizione offre una piattaforma giovane ed interattiva per promuovere cambiamenti globali nei contesti di riferimento. Il progetto intende mettere in luce l’impatto fra le attività poste in essere ed  il cambiamento prodotto nelle comunità, quartiere, distretto, scuola o università, paese o anche nell’intero pianeta. Saranno assegnati dieci premi alle migliori foto che dimostrano come il lavoro crea un effetto positivo.

I premi sono in denaro e verranno così distribuiti:

  • vincitore del 1° premio: 300 dollari e 6 mesi di tutoraggio con un esperto di YouthLead e una foto su YouthLead.org;
  • vincitore del 2° premio: 200 dollari e 6 mesi di tutoraggio con un esperto di YouthLead e una foto su YouthLead.org ;
  • vincitore del 3° premio: 100 dollari e 6 mesi di tutoraggio con un esperto di YouthLead e una foto su YouthLead.org ;
  • vincitori del 4° premio: una foto in primo piano su YouthLead.org e una consultazione privata di una volta sul loro progetto
    con un esperto di YouthLead.
Il bando completo

Come partecipare

L’iniziativa è rivolta a concorrenti ‘changemakers‘ di età compresa tra 18 e 35 anni. Per partecipare c’è tempo fino al 31 maggio 2019 attraverso le seguenti procedure di iscrizione.

  • registrarsi su YouthLead;
  • dopo il Log in, accedere alla sezione Eventi e cliccare su “Partecipa al contest fotografico“;
  • caricare la fotografia scelta (è possibile partecipare con al massimo tre foto, anche se è necessario un accesso differente per ognuna);
  • indicare titolo della foto , data e luogo di scatto;
  • allegare una breve descrizione (tra i 600 e i 1500 caratteri) che spiega il senso e l’impatto generato;
  • definire il settore di interesse della foto;
  • accetta i termini e le condizioni e premere “Invio”.

Per informazioni
YouthLead

Viaggio della Memoria 2019 – Inaugurazione della mostra

Giovedì 16 maggio alle 11:00, l’ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova invita dirigenti, docenti e studenti all’inaugurazione della mostra dedicata al Viaggio della Memoria, realizzata dagli studenti dell’IIS “Giovanni Valle” di Padova.

I ragazzi e le ragazze hanno partecipato al Viaggio della Memoria dal 24 al 27 febbraio scorsi, seguendo un itinerario che da Padova ha raggiunto BudapestAuschwitz-Birkenau e Vienna. La mostra raccoglie fotografiedocumenti e testimonianze degli studenti, realizzati con la supervisione dei professori Andrea Sarno e Antonio Spinelli.

La mostra, allestita sul ballatoio al primo piano del Centro Culturale Altinate San Gaetano, è visitabile gratuitamente fino al 1 giugno, nei seguenti orari:

  • dal martedì al venerdì: 10:00-18:00
  • sabato: 10:00-15:00
  • domenica e lunedì: chiuso

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35121 Padova
E-mail: progettogiovani.scuola@comune.padova.it

Oltre la passione di un popolo – Mostra fotografica

Dal 12 al 28 aprile, l’associazione Italiarmenia organizza la mostra fotografica “Oltre la passione di un popolo. Percorso nella memoria del Genocidio Armeno“.

L’inaugurazione, in programma alle 18:00 di martedì 12 aprile, vede la partecipazione di Flavia Randi, presidente di Italiarmenia e del professore Francesco Berti dell’Università di Padova.

La mostra è allestita nei ballatoi al primo piano del Centro Culturale Altinate San Gaetano ed è visitabile gratuitamente dal martedì alla domenica, dalle 9:00 alle 19:00. Rimane chiusa il lunedì e domenica 21 aprile.

La mostra è stata ideata da padre Vahan Ohanian della Congregazione Mechitarista di San Lazzaro degli Armeni di Venezia.

Visite guidate

Nei giorni di martedì 16, giovedì 18 e sabato 27 aprile, è possibile prenotare delle visite guidate per gruppi, inviando la richiesta via mail all’indirizzo info@italiarmenia.it.

Per le scuole

Lunedì 15 aprile, dalle 9:00 alle 11:00, il dottor Vartan Giacomelli,
rappresentante dell’Associazione Italiarmenia, incontra gli studenti per un intervento dedicato alla storia del genocidio armeno, con la presentazione di slide e la proiezione di alcuni spezzoni di film.

L’appuntamento, in auditorium del Centro Culturale Altinate San Gaetano, è rivolto in modo particolare agli studenti delle scuole secondarie superiori, ma aperto a tutta la cittadinanza.

Scarica il programma completo delle commemorazioni

Per informazioni
Associazione Italiarmenia
Mail: info@italiarmenia.it