Archivi tag: padova corsi

“RACCONTAMI UN POSTO” CON-CORSO DI STORYTELLING PER PAROLE E IMMAGINI

Posso accedere? è la domanda che molte persone si fanno e pongono quando devono recarsi in un luogo, ma Posso accedere? è anche la domanda che sottende all’incontro con l’altro: posso accedere alla tua esperienza? Posso accedere al mondo dal tuo punto di vista? 

Anche lo scrittore e il fotografo fanno la stessa domanda ai propri personaggi: si mettono nei loro panni per sentire quello che sentono loro, vedere quello che vedono, percepire quello che percepiscono. Ma come sente e vede il mondo una persona sorda, una persona con il passeggino, una persona cieca, un anziano? In linea con l’accessibilità universale cui vuole sensibilizzare il progetto Padova per tutti, la scrittura e la fotografia possono essere un’occasione utile per comprendere l’esperienza dell’accessibilità in un modo nuovo.

IL CORSO
a cura di Alessandro Busi, Lorenzo Scaldaferro, Simona Zedda per COSPE Onlus

COSPE Onlus nell’ambito del progetto PADOVA per TUTTI, propone un corso inclusivo di 10 incontri della durata di 2 ore circa ciascuno, presso gli spazi del CSV (Centro Servizi Volontariato) di Padova.

In questo percorso, i partecipanti si metteranno in gioco con la scrittura breve, non finalizzata solo alla produzione di un testo letterario, ma con l’attenzione puntata alla costruzione di un’esperienza altra dalla propria. Per fare ciò, lo strumento privilegiato sarà quello dell’intervista come strumento di interazione.
Prendendo a modello il progetto Humans of New York di Brandon Stanton, ma anche di altri autori che hanno fatto della brevità il loro punto di forza, vedremo come sia possibile raccontare una storia in poche righe, come sia possibile intervistare senza essere invadenti, affinché ogni partecipante possa costruire un proprio set di domande utile a esplorare l’accessibilità e la disabilità nel proprio modo peculiare.
Gli incontri di fotografia prevedono una prima fase tecnica in cui si impareranno le basi della fotografia (ISO, Diaframmi e Tempi), della luce e della post produzione (il file raw, una post produzione semplice, naturale, spontanea, in linea con il progetto). Successivamente ci si confronterà sulla fotografia di ritratto vedendo alcuni importanti esempi e facendo poi degli esercizi pratici in classe. Si cercherà di trasmettere il senso intimo del ritratto, quella connessione unica che si può creare tra fotografo e soggetto e che traspare dal ritratto stesso in quanto immagine sincera della persona immortalata.

Nel corso di ogni incontro si alterneranno momenti pratici e teorici, privilegiando una modalità di apprendimento partecipato ed esperienziale. Fra un incontro e l'altro verranno assegnati ai partecipanti esercizi che funzionino come stimolo per la produzione di testi e foto proprie.

Il corso vedrà un primo incontro di contestualizzazione sul turismo responsabile e accessibile (a cura di Simona Zedda) e continuerà con dieci incontri di 2 ore ciascuno per sviscerare le modalità dell’intervista (con Alessandro Busi) e la fotografia ritrattistica (con Lorenzo Scaldaferro) per imparare a produrre una propria foto intervista sul modello Humans of New York di Brandon Stanton. Conoscere l’altro e il suo viaggio quotidiano nell’accessibilità.

 

I DOCENTI
Alessandro Busi: (psicologo e psicoterapeuta) oltre a una formazione in ambito clinico, lavora con adolescenti e adulti in vari contesti di gruppo. Parallelamente, nel corso degli anni, ha approfondito lo studio della scrittura creativa, sia come passione personale, sia come strumento in ambito psicologico.

Lorenzo Scaldaferro: fotografo, regista professionista e giornalista. Si occupa prevalentemente di immagini commerciali, ma ha sempre avuto un’attenzione ai temi culturali e sociali. Esperienza decennale come docente di fotografia presso la Scuola Internazionale di Comics. Autore di numerosi documentari ed esposizioni.

Simona Zedda: semiologa specializzata nel rapporto tra comunicazione turistica, sviluppo turistico-territoriale e networking; coordina iniziative ed eventi di impatto sociale, culturale ed ambientale. Per IT.A.CÀ migranti e viaggiatori si occupa di progettazione turistica responsabile e accessibile.

ATTREZZATURA FOTOGRAFICA
Per la partecipazione al corso sarà necessario avere a disposizione una macchina fotografica, sia durante le lezioni per mettere in atto in tempo reale gli argomenti trattati durante il corso, sia per gli esercizi a casa e la partecipazione al concorso “Raccontami un posto”. La fotocamera ideale è una Reflex digitale o una mirrorless, ma non è indispensabile… la miglior camera è quella che hai con te, qualsiasi macchina fotografica è ammessa, fosse anche quella dello smartphone. Si consiglia anche la disponibilità di un computer, meglio se dotato di Photoshop.

ACCESSIBILITA’ DEL CORSO
L’incontro introduttivo è accessibile a persone con disabilità visiva, motoria e a *persone sorde; gli incontri di scrittura creativa sono accessibili a persone con disabilità visiva e motoria; gli incontri di fotografia sono accessibili a persone con disabilità motoria e *persone sorde.
*(per le persone sorde è garantito il servizio di interpretariato LIS/IT)
La sala è accessibile e sono presenti wc per persone con disabilità.

CHI PUO’ PARTECIPARE
Tutti e tutte dai 18 anni in su.
La partecipazione al corso è ammessa fino ad un numero massimo di n.20 iscritti.

Il corso prevede la partecipazione a tutti gli incontri, sia di scrittura creativa sia di fotografia (eccetto per le persone con disabilità, vedi dettagli nella sezione accessibilità);  è necessario partecipare almeno 70% delle lezioni per il conseguimento di un attestato di partecipazione.

IL CONCORSO
Nell'ambito del progetto PADOVA per TUTTI è in programma a inizio 2020 il concorso multidisciplinare RACCONTAMI UN POSTO (responsabile e accessibile).
Gli interessati verranno invitati a ricercare esperienze di viaggio responsabile e accessibile, attraverso la produzione di foto interviste sul modello del progetto “Humans of New York” di Brandon Stanton.
Sulla pagina Facebook del progetto PADOVA per TUTTI verrà pubblicato un album con i lavori dei partecipanti, dando la possibilità al pubblico di votare con un “mi piace” i loro preferiti. Una giuria di esperti poi, sceglierà i 3 lavori da premiare in occasione dell’edizione dedicata al turismo responsabile e accessibile del Festival IT.A.CÀ, in programma a Padova e dintorni a primavera 2020. Inoltre tutti i lavori dei partecipanti verranno esposti in una mostra dedicata.

“Raccontami un posto”: il contest per conoscere il mondo
Raccontami un posto è la tua opportunità di raccontare quel pezzo di mondo che hai vissuto a chi ancora non lo conosce, di abbattere i pregiudizi e le paure, di incuriosirci e di farci capire che, dopotutto, non ci vuole tanto: basta sgomberare la mente dai pregiudizi e bagnarsi nel fiume del viaggio, con curiosità e voglia di scoprire.
E’ un format di IT.A.CÀ Migranti e viaggiatori, Festival del turismo responsabile, riadattato al tema dell’accessibilità nell’ambito del progetto PADOVA per TUTTI .

PADOVA per TUTTI
Il progetto “PADOVA per TUTTI - laboratori, formazione, concorsi, eventi per la città accessibile” prevede una serie di iniziative che hanno per obiettivo quello di promuovere una riflessione intorno al tema dell’accessibilità urbana e proposte di turismo padovano “per tutti” sapendo che una città più accessibile per i turisti lo sarà anche per i residenti. Il progetto è promosso da Associazione Vite in Viaggio e COSPE onlus, in collaborazione con Cooperativa Sociale Polis Nova, IT.A.CA’ - Migranti e Viaggiatori, festival del turismo responsabile, Festival della lentezza, libreria Pangea, CSV Padova, patrocinato dal Comune di Padova e sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio Padova e Rovigo nell'ambito del Bando Culturalmente 2017.
www.padovapertutti.it
Evento facebook

 

 

Corso di comunicazione

Descrizione

Il corso di comunicazione ha il fine di supportare il partecipante ad acquisire modalità diverse di porsi e quindi rapportarsi nei rapporti interpersonali. Grazie a questa abilità sarà possibile raggiungere una maggiore efficacia comunicativa in quei rapporti che di solito vengono considerati più coinvolgenti quali, quelli con i familiari, i quelli legati a rapporti lavorativo/professionali, quelli amicali.
Il raggiungimento di una maggiore efficacia nella comunicazione, in questo primo modulo del LABORATORIO SUGLI STILI DI COMUNICAZIONE sarà acquisito attraverso un percorso formativo pratico dedicato alla comunicazione non verbale o meglio della comunicazione del corpo e para-verbale.

Corso di comunicazione

Corso di Fotografia – I generi fotografici

Il corso di Fotografia - I generi fotografici - I° modulo vuole rendere il partecipante un fotografo in grado di approcciarsi alla materia attraverso vari generi e chiavi di lettura artistiche.

Un ciclo di lezioni che aiuteranno il partecipante ad analizzare vari stili fotografici: la fotografia paesaggistica, il ritratto fotografico in interni ed esterni, lo still life e la “teoria della forma”.
Durante il corso si alterneranno lezioni pratiche e teoriche, dando così la possibilità a tutti i partecipanti di scoprire la fotografia sia dal punto di vista storico-artistico (analizzando il sistema dell’arte) sia dal punto di vista attivo, attraverso le varie “uscite”.



YOGA

E' possibile partecipare ad una lezione di prova gratuita, previa prenotazione. Lo Yoga del Risveglio. Insegnante: Roberto Destro La tonificazione del corpo con le Asana La pratica statica delle posture proposte genera un lavoro isometrico, che risveglia una maggiore percentuale di fibre muscolari. Tale sistema regala al corpo una naturale tonicità, una elegante flessibilità, una gratificante elasticità, tanta salute ed ottimismo. Insegnante: Loredana Ghiotti VINYASA YOGA L'EQUILIBRIO PARTE DALLA POSTURA L'equilibrio parte dalla postura e imparare a tenerla nella pratica aiuta a migliorarsi piano piano con dolcezza nella vita di tutti i giorni. Lo stare bene nella posizione (sama) durante la sessione di Yoga è il punto di partenza e di arrivo per raggiungere il proprio equilibrio. Il Vinyasa Yoga sviluppa questo concetto collegando gli asana con il respiro nel continuo fluire del movimento. Insegnante: Giorgio Menghin IL drenaggio con lo Yoga Drenare significa aprire, pulire e lasciare scorrere. Le sequenze proposte si compongono di automassaggio Ayurvedico (massaggio antico dell'India), di allungamenti passivi e di consapevolezza respiratoria, con lo scopo di dialogare con i liquidi corporei e togliere i ristagni fisici e mentali. YOGA IL Metodo della Tradizione Il metodo millenario della tradizione dello Yoga permette, attraverso una pratica costante, la piena consapevolezza del corpo, della mente e dello spirito. Il corso proporrà il metodo tradizionale dello Yoga sia attraverso le posizioni del corpo (Asana) che il flusso del respiro (Pranayama). L’intero corso sarà fondato sulla tradizionale metodologia di insegnamento e sarà integrato anche da alcuni momenti di visione di brevi video e ascolto di brani musicali, al fine di favorire una costante indagine approfondita e interattiva delle proprie emozioni e del proprio corpo emotivo, coltivando nel contempo il giusto distacco. Insegnante: Roberto Destro YOGA Consapevolezza e Terapia L'antica disciplina di benessere psicofisico diviene oggi disponibile anche come sistema terapeutico che utilizza la proposta educativa dei testi classici dello Yoga: trattamento dell'individuo a livello di corpo, forza vitale, mente e coscienza. A tale scopo vengono utilizzate semplici posture per il benessere della colonna vertebrale e della schiena, la rieducazione respiratoria per l'equilibrio emozionale ed il rilassamento curativo per la salute mentale. Insegnante: Loredana Ghiotti YOGA e Respiro Interiore Gli esercizi basati sul respiro interiore si differenziano da quelli che costituiscono le varie tipologie di allenamento fisico. Sono più vicini all'idea di «coltivazione», laddove il frutto (guarigione-salute-benessere) matura col proprio tempo, grazie al nutrimento che riceve dall'insieme degli stimoli e non in virtù di uno sforzo. Questo tipo di «coltivazione» utilizza esercizi fisici dinamici ma lenti, abbinati a una respirazione sottile e leggera. Gli esercizi sono mirati ad allungare i tendini, ad attivare dinamicamente le catene muscolari, ad ampliare la mobilità articolare, a stimolare la circolazione linfatica e sanguigna, con la finalità di vivacizzare la linfa della pianta: quella energia-vitalità legata al respiro, che lo Yoga chiama prana, e che è garanzia di guarigione, longevità e forza psichica. Insegnante: Edoardo Beato YOGA GentleYOGA L’antica disciplina indiana è oggi una via accessibile alla relazione profonda del corpo-mente. A partire dallo sviluppo delle capacità respiratorie, si coltivano la morbidezza, la scioltezza e il rafforzamento armonioso del corpo, per riscoprire un rapporto amorevole e rispettoso verso sé stessi. Con la pratica, le posture dinamiche e statiche - adatte ad ogni condizione fisica - e la conduzione del respiro permettono di giungere all’esperienza della presenza a sé stessi e all'unione con gli spazi della propria interiorità. Il corso è rivolto allo sviluppo della gentilezza interiore attraverso l'incontro con il corpo. Insegnante: Valeria Capasso YOGA Cammino verso la conoscenza di se stessi Obiettivo del corso è di offrire ai partecipanti un percorso di ascolto interiore del proprio corpo e del proprio respiro, e di trasmettere alcuni importanti concetti della tradizione yogica utili allo sviluppo personale. Ai partecipanti verrà richiesto di portare l'attenzione sulle percezioni interiori, sul sentire e sul ricevere. Quando questo atteggiamento viene coltivato con dedizione, nella persona si genera una significativa trasformazione che consente di soddisfare il profondo bisogno di armonia con se stessa e con ciò che la circonda. Il corso è rivolto a tutti; l'approccio pratico è adatto sia ai principianti sia alle persone che desiderano continuare il percorso intrapreso in anni precedenti. Insegnante: Manuela Bombana

Comunicazione Nonviolenta

La Comunicazione Nonviolenta (CNV), chiamata anche comunicazione empatica, si basa sul principio che "entrare in empatia" faccia parte della nostra natura umana e che le strategie violente – siano esse fisiche o verbali – sono comportamenti appresi, che la cultura prevalente insegna e sostiene allontanandoci da noi stessi e dagli altri: questo allontanamento è chiamato anche "disconnessione".

La Comunicazione Nonviolenta funziona come processo per ristabilire la Connessione con noi stessi e con gli altri quando è scarsa o è perduta, offrendo un processo di dialogo fondato su specifiche abilità e strumenti comunicativi per far fronte alle situazioni di tensione o conflitto in qualunque contesto di relazione. Essa si concentra su tre aspetti della comunicazione:
1 - L'auto-empatia (definita come una profonda consapevolezza e compassionevole esperienza interiore)
2 - L'empatia (definita come la relazione di ascolto di un altro individuo con profonda compassione)
3.-.L'auto-espressione onesta (la capacità di esprimersi autenticamente in modo da ispirare empatia e compassione negli altri) 

La Comunicazione Nonviolenta si basa sull'idea che sia possibile, attraverso una connessione autentica a se stessi e un uso onesto del linguaggio, aumentare la qualità della Connessione tra gli esseri umani. Quando la qualità di Connessione tra esseri umani è scarsa, quando cioè sperimentiamo tensioni e incomprensioni nelle relazioni, sotto l'effetto della pressione emotiva che viviamo e spinti dal desiderio di trovare soddisfazione ai nostri bisogni, ricorriamo a forme di violenza verbale o a comportamenti che possono danneggiare noi stessi e gli altri. 
Le abitudini di pensare e di parlare che portano all'uso della violenza (psicologica e fisica) sono apprese attraverso la cultura. La Comunicazione Nonviolenta ci insegna a togliere questa violenza appresa dalla nostra cultura ed educazione, mostrandoci che ciò che rimane una volta che togliamo la violenza dal nostro linguaggio, sono parole che favoriscono la crescita dell'empatia, la comprensione reciproca e la compassione gli uni verso gli altri. 
Quando queste qualità sono favorite, le tensioni e i conflitti inevitabilmente si trasformano in nuova Connessione.

Il corso è rivolto a tutti coloro che vogliono aumentare la qualità di Connessione con loro stessi e che voglio incrementare le loro abilità nel creare una maggiore Connessione con gli altri. Il corso introduttivo di 6 ore consentirà l'accesso alla formazione avanzata che seguirà presso il Motus Mundi sull'uso della Comunicazione Nonviolenta applicata a specifici contesti di tensione e conflitto, sia in ambito personale che professionale.

Yoga

E' possibile partecipare ad una lezione di prova gratuita, previa prenotazione. Lo Yoga del Risveglio. Insegnante: Roberto Destro La tonificazione del corpo con le Asana La pratica statica delle posture proposte genera un lavoro isometrico, che risveglia una maggiore percentuale di fibre muscolari. Tale sistema regala al corpo una naturale tonicità, una elegante flessibilità, una gratificante elasticità, tanta salute ed ottimismo. Insegnante: Loredana Ghiotti VINYASA YOGA L'EQUILIBRIO PARTE DALLA POSTURA L'equilibrio parte dalla postura e imparare a tenerla nella pratica aiuta a migliorarsi piano piano con dolcezza nella vita di tutti i giorni. Lo stare bene nella posizione (sama) durante la sessione di Yoga è il punto di partenza e di arrivo per raggiungere il proprio equilibrio. Il Vinyasa Yoga sviluppa questo concetto collegando gli asana con il respiro nel continuo fluire del movimento. Insegnante: Giorgio Menghin IL drenaggio con lo Yoga Drenare significa aprire, pulire e lasciare scorrere. Le sequenze proposte si compongono di automassaggio Ayurvedico (massaggio antico dell'India), di allungamenti passivi e di consapevolezza respiratoria, con lo scopo di dialogare con i liquidi corporei e togliere i ristagni fisici e mentali. YOGA IL Metodo della Tradizione Il metodo millenario della tradizione dello Yoga permette, attraverso una pratica costante, la piena consapevolezza del corpo, della mente e dello spirito. Il corso proporrà il metodo tradizionale dello Yoga sia attraverso le posizioni del corpo (Asana) che il flusso del respiro (Pranayama). L’intero corso sarà fondato sulla tradizionale metodologia di insegnamento e sarà integrato anche da alcuni momenti di visione di brevi video e ascolto di brani musicali, al fine di favorire una costante indagine approfondita e interattiva delle proprie emozioni e del proprio corpo emotivo, coltivando nel contempo il giusto distacco. Insegnante: Roberto Destro YOGA Consapevolezza e Terapia L'antica disciplina di benessere psicofisico diviene oggi disponibile anche come sistema terapeutico che utilizza la proposta educativa dei testi classici dello Yoga: trattamento dell'individuo a livello di corpo, forza vitale, mente e coscienza. A tale scopo vengono utilizzate semplici posture per il benessere della colonna vertebrale e della schiena, la rieducazione respiratoria per l'equilibrio emozionale ed il rilassamento curativo per la salute mentale. Insegnante: Loredana Ghiotti YOGA e Respiro Interiore Gli esercizi basati sul respiro interiore si differenziano da quelli che costituiscono le varie tipologie di allenamento fisico. Sono più vicini all'idea di «coltivazione», laddove il frutto (guarigione-salute-benessere) matura col proprio tempo, grazie al nutrimento che riceve dall'insieme degli stimoli e non in virtù di uno sforzo. Questo tipo di «coltivazione» utilizza esercizi fisici dinamici ma lenti, abbinati a una respirazione sottile e leggera. Gli esercizi sono mirati ad allungare i tendini, ad attivare dinamicamente le catene muscolari, ad ampliare la mobilità articolare, a stimolare la circolazione linfatica e sanguigna, con la finalità di vivacizzare la linfa della pianta: quella energia-vitalità legata al respiro, che lo Yoga chiama prana, e che è garanzia di guarigione, longevità e forza psichica. Insegnante: Edoardo Beato YOGA GentleYOGA L’antica disciplina indiana è oggi una via accessibile alla relazione profonda del corpo-mente. A partire dallo sviluppo delle capacità respiratorie, si coltivano la morbidezza, la scioltezza e il rafforzamento armonioso del corpo, per riscoprire un rapporto amorevole e rispettoso verso sé stessi. Con la pratica, le posture dinamiche e statiche - adatte ad ogni condizione fisica - e la conduzione del respiro permettono di giungere all’esperienza della presenza a sé stessi e all'unione con gli spazi della propria interiorità. Il corso è rivolto allo sviluppo della gentilezza interiore attraverso l'incontro con il corpo. Insegnante: Valeria Capasso YOGA Cammino verso la conoscenza di se stessi Obiettivo del corso è di offrire ai partecipanti un percorso di ascolto interiore del proprio corpo e del proprio respiro, e di trasmettere alcuni importanti concetti della tradizione yogica utili allo sviluppo personale. Ai partecipanti verrà richiesto di portare l'attenzione sulle percezioni interiori, sul sentire e sul ricevere. Quando questo atteggiamento viene coltivato con dedizione, nella persona si genera una significativa trasformazione che consente di soddisfare il profondo bisogno di armonia con se stessa e con ciò che la circonda. Il corso è rivolto a tutti; l'approccio pratico è adatto sia ai principianti sia alle persone che desiderano continuare il percorso intrapreso in anni precedenti. Insegnante: Manuela Bombana

I corsi della Casa Azzurra: fare movimento fa bene

In un luogo dedicato, con sale da lavoro e piscina con acqua riscaldata, sono aperti per i soci i seguenti corsi 2018-2019:

  • yoga
  • pilates
  • qi gong
  • viet tai chi
  • feldenkreis
  • metodo reme
  • biodanza
  • yoga in gravidanza
  • ginnastica dolce in acqua in gravidanza
  • canto prenatale
  • psicomotricità
  • ginnastica dolce in acqua
  • acquaticità (con massaggio neonatale)
  • avviamento al nuoto
  • educazione musicale per bambini

 

 

 

 

ART FACTORY LAB

L’Associazione Culturale Fantalica di Padova, da anni impegnata a valorizzare nel terriotrio la libera espressione creativa tra i cittadini, presenta il progetto “Art Factory lab” nell'ambito del Bando Funder 35 indetto da Fondazione Cariplo, che ha visto l'associazione culturale Fantalica vincitrice.

Il progetto è pensato e rivolto a bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 14.

Il percorso proposto, già sperimentato con successo dal 2014 al 2018 a Este, Padova e Selvazzano nella forma di Casa delle Arti, ha come obiettivo principale il consolidamento di un centro d’arte chiamato “La Casa delle arti” che preveda il coinvolgimento di bambini e ragazzi per gli anni scolastici 2018-2019/2019-2020/2020-2021 in orario extra-scolastico, in laboratori artistici di riciclo creativo e espressivi che andranno a confluire in una mostra e in uno spettacolo finale su un tema concordato per ogni annualità.

Con Art factory lab il progetto “Casa delle arti” assumerà una valenza provinciale, perché andrà a coinvolgere in modo coordinato inizialmente tre comuni della Provincia di Padova e alla fine del terzo anno si arriverà ad un quarto comune coinvolto. Ciò favorirà lo sviluppo di un progetto di collaborazione e di scambio tra le varie sedi, favorendo la nascita di più centri d'arte nel territorio provinciale, uniti da intenti comuni.

 

Finalità:

Il progetto ha come finalità principale quella di educare i bambini e i ragazzi all'arte figurativa e  espressiva e alla sensibilizzazione nei confronti del riciclo creativo. Inoltre si intende promuovere un’esperienza unica di condivisione e crescita dei propri talenti in ambito espressivo e creativo per un periodo lungo coincidente con l’anno scolastico. Tale finalità rientra negli obiettivi indicati nello statuto dell'associazione culturale Fantalica.

 

Obiettivi:

-           Sensibilizzazione sul tema del rispetto della natura e delle sue risorse.

-           Avvicinare i partecipanti alle tecniche pittoriche e di riciclo creativo.

-           Avvicinare i partecipanti alle moderne tecniche di recitazione e di espressione corporea.

-           Sviluppare le capacità espressive e la consapevolezza delle potenzialità della gestualità.

-           Sviluppare le capacità espressive e manuali dell’allievo.

-           Sviluppare la capacità critica, in particolare di osservazione e analisi dei vari processi di trasformazione di un materiale da una funzione a un’altra.

-           Contribuire e agevolare il lavoro individuale, ma anche di gruppo, promuovendo la collaborazione tra allievi durante le varie fasi del laboratorio.

-           Creare una performance di gruppo che aiuti ad esprimere i concetti trattati durante il lavoro svolto.

Vieni a scoprire le informazioni sul nostro sito!

Corso di Public Speaking – (I° modulo)

Il problema generale di porsi di fronte al pubblico o ad una macchina da presa, risiede nell’handicap psicologico di sentirsi al centro dell’attenzione, sotto lo sguardo di tutti i presenti, sotto la lente d’ingrandimento di una telecamera, capace di svelare tutti i nostri difetti e le nostre insicurezze, qualunque sia il nostro ruolo: politico, giornalistico, manageriale o come semplice individuo. Il lavoro da fare con il corso di public speaking si concentra dunque sulla conquista della scioltezza, coordinazione e disinvoltura nel modo di comportarsi.

Corso di public speaking