Archivi tag: rigenerazione

Stazioni ad uso sociale: stazioni impresenziate in comodato d’uso

Il Gruppo FS, in collaborazione con Banca Etica, propone Stazioni ad uso sociale, un progetto di riqualificazione delle stazioni ferroviarie impresenziate (ovvero in cui non è più richiesta la presenza di personale tecnico). La proposta è volta, attraverso bandi dedicati sul proprio network di crowdfunding, a favorire la raccolta fondi per sostenere i progetti di riqualificazione sociale degli immobili ferroviari, promuovendo eventi e progetti culturali e offrendo servizi creditizi e bancari integrati.

In base all’accordo,  gli spazi possono essere assegnati in comodato d’uso gratuito, a disposizione delle associazioni di volontariato, degli enti locali e delle associazioni nonprofit, per realizzare iniziative: progetti d’inclusione sociale per soggetti a rischio, attività di protezione civile, azioni finalizzate alla valorizzazione delle peculiarità storiche, culturali, ambientali del territorio e molto altro. In questo modo le stazioni possono aprirsi alla comunità, diventando luoghi di incontro e di relazione.

Come partecipare

Il bando è senza scadenza, e la richiesta di comodato deve essere presentata insieme alla descrizione in dettaglio del progetto che si intende realizzare, da elaborare secondo il seguente schema:

  • breve presentazione dell’ente che avanza la richiesta
  •  descrizione del progetto e delle sue finalità sociali
  •  descrizione degli eventuali partner coinvolti nel progetto (istituzioni, enti locali, imprese, fondazioni, ecc)
  •  benefici/ricadute del progetto sul territorio in termini sociali, ambientali, occupazionali, culturali, ecc
  •  ubicazione dello spazio per il quale si fa la richiesta (stazione o altre aree)
  •  analisi dei costi complessivi del progetto con valutazione degli interventi necessari a rendere lo spazio richiesto idoneo all’iniziativa
  • risorse finanziarie previste e dedicate alla realizzazione del progetto per tutta la durata del contratto di comodato
  •  tempistiche del progetto 

Sul  sito di Rfi  è possibile consultare  l’elenco stazioni, regione per regione. Quelle che Rfi può cedere in comodato rientrano nella categoria “stazioni bronze”.

Consulta la pagina del bando

Per informazioni
RFI – Rete Ferroviaria Italiana

Mostra – “L’osmosi è un processo fisico spontaneo”

Venerdì 9 giugno alle 18:30, inaugura in Piazza Gasparotto “L’osmosi è un processo fisico spontaneo“, mostra collettiva degli artisti di Piazza+, realizzata dopo un percorso di residenza di cinque mesi.

I collettivi di artisti 10.18+FF (Daniele Costa, Francesca Federico, Marco Furlanetto, Valentina Furian), Graziano Meneghin & Jacopo Trabona e Ollla at Work (Camilla Crosta e Olga Trevisan) presentano le loro opere site-specific e context-specific, pensate espressamente per Piazza Gasparotto e l’area circostante.

La mostra

“L’osmosi è un processo fisico spontaneo” mette in luce il percorso di avvicinamento, conoscenza e il rapporto di confidenza che gli artisti coinvolti hanno intessuto in questi mesi con i luoghi e le persone: un percorso lungo, complesso, articolato, fragile (o instabile), ma inevitabile.

La mostra è il racconto di un processo in atto: i lunghi periodi d’osservazione, gli attraversamenti, le trattative, i tentativi di compenetrazione, gli scambi e le reciproche influenze.

Dopo l’inaugurazione, sarà possibile continuare a scoprire il lavoro degli artisti all’interno del Circolo Nadir, in una mostra aperta dal 10 al 18 giugno, negli orari di apertura del Circolo.

Con l’occasione, verranno inoltre presentati due progetti collaterali: “Vero-simile, Presenze urbane“, progetto fotografico di Moreno Rocco Segafredo e un’installazione realizzata da una classe di studenti del liceo artistico P. Selvatico di Padova, sotto il coordinamento della prof. Rossana Filippi.

Il programma

  • ore 18.30: presentazione di Piazza+, degli artisti e delle opere con aperitivo di benvenuto;
  • ore 19.00: Ollla at Work | The exploring process: racconti e percezioni di Piazza Gasparotto;
  • ore 19:30: Meneghin & Trabona | presentazione dell’installazione “Common Place”;
  • ore 21.00: 10.18+FF | proiezione in Piazza del film “Settore A. Studi su interferenze di paesaggi”.

Il progetto

PIAZZA+ è un progetto sperimentale transdisciplinare dedicato alla rigenerazione territoriale di uno spazio pubblico attraverso le arti contemporanee, che prende vita in Piazza Gasparotto a Padova,  a cura di Caterina Benvegnù, Francesca Vason e Beatrice Sarosiek.

PIAZZA+ ha coinvolto artisti, curatori e professionisti provenienti da altre discipline che hanno contribuito ad allargare il dibattito, offrire nuove prospettive, stimolare gli artisti con esperienze, metodologie, strumenti per sviluppare i rispettivi progetti. Tra costoro: Ludovica Carbotta e Valerio Del Baglivo, Maddalena Fragnito, Pietro Gaglianò, Michela Lupieri, Alvise Pagnacco, Ettore Favini, Alberto Baccichetto, Marco Segato, Marco Bertozzi, Stefano Collizzolli.

PIAZZA+ è ideato e realizzato da ArtMusicEvent, EST/CO+, Mela di Newton, Upgrade, Xearte, Gioco Anch’io/HUB, Nairi Onlus e sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando Culturalmente 2015. Il progetto conta inoltre la partnership dell’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova.

Per informazioni

Piazza+
Mail: info@piazzapiu.it

Bando Culturability – Rigenerare spazi da condividere

La Fondazione Unipolis promuove il bando nazionale “Culturability – rigenerare spazi da condividere“, mettendo a disposizione 400.000 € per sostenere progetti innovativi in ambito culturale e creativo che favoriscano processi di rigenerazione, recupero e rivitalizzazione di spazi dismessi

Il bando

Tra le proposte pervenute, verranno selezionati 15 progetti che beneficeranno di una prima fase di attività di formazione, incontri e mentoring. I team verranno seguiti per migliorare e sviluppare le loro proposte, in vista di una presentazione di un dossier definitivo di progetto.

Tra loro saranno scelti i 5 progetti finalisti, che beneficeranno di un ulteriore percorso di accompagnamento individuale e di un contributo economico a fondo perduto di 50.000 € ciascuno, per implementare le attività proposte per lo sviluppo del progetto di rigenerazione.

Altri 150.000 € saranno utilizzati per realizzare le attività di formazione e i percorsi di accompagnamento individuale, garantire i rimborsi spese ai partecipanti per prendere parte alle attività di supporto.

Come partecipare

Le tipologie di progetti ammessi sono:

  • progetti presentati da singole organizzazioni;
  • progetti presentati in partnership;
  • progetti presentati da team informali.

I progetti potranno essere presentati fino alle 13:00 di giovedì 13 aprile, compilando l’apposito form online.

Scarica il regolamento

Per informazioni

Culturability
Tel.: 051 6437601 (referente: Roberta Franceschinelli)
Mail: culturability@fondazioneunipolis.org

Convegno “Rigenerare spazi pubblici”

rigenerazione

Sabato 28 novembre, dalle 9:30 alle 18:00, si terrà il convegno “Rigenerare spazi pubblici: esperienze dai territori“, un’occasione di confronto tra cittadini, ricercatori, professionisti impegnati in percorsi di rigenerazione territoriale.

Nato all’interno di The Next Stop, progetto sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo – Bando Culturalmente 2014 che promuove percorsi di riqualificazione delle aree degradate attraverso iniziative artistiche e culturali, questo appuntamento conclusivo si propone come opportunità di riflessione e discussione pubblica. A partire dalle esperienze realizzate a Padova e in Italia, verranno presentate le metodologie, gli strumenti di intervento e le condizioni politiche-istituzionali che hanno favorito od ostacolato il lavoro nei territori.

La mattina è prevista una tavola rotonda in cui si discuterà di rigenerazione a partire da diverse prospettive: politiche, comunità, cultura e lavoro.

Nel pomeriggio, invece, sono previste due sessioni parallele dedicate ad approfondire la relazione tra queste parole chiave: Spazi/riuso/cultura, Spazio pubblico/pratiche di cittadinanza. A partire dal dialogo tra esperienze realizzate a Padova e in altri contesti, si vogliono definire alcune linee di lavoro in città su alcuni spazi che potrebbero essere rigenerati.

Il convegno si terrà presso la sala Peppino Impastato, all’interno della Banca Popolare Etica di via Niccolò Tommaseo, 7. Scarica qui il programma completo. La partecipazione al convegno è libera, ma è richiesta l’iscrizione.

Per informazioni:

CO+
Piazza Gasparotto, 7 – Padova
Tel.: 340 4731898 | 339 5918452
E-mail: info@copiu.it

ENTER – L’evento conclusivo

enter_bando

ENTER Smart Humans – Gente Intelligente è un percorso di formazione e creazione artistica collettiva, un progetto di riqualificazione umana e urbana che intende inserirsi nel possibile sviluppo contemporaneo della città di Padova come Smart City, nelle sue declinazioni sociali, culturali e artistiche con l’obiettivo di creare un incubatore per nuove forme artistiche partecipative e interattive.

ENTER Smart Humans ha creatp un Gruppo Artistico eterogeneo formato dall’incontro di 4 Giovani Artisti o Creativi selezionati da un bando con i Giovani già parte gruppo organizzativo del progetto:Tam Teatromusica e Piano T.

Sabato 7 novembre – Evento conclusivo

Dalle 14:00 alle 19:00, presso il Piazzale della Parrocchia di Cristo Risorto in via Guido Cardan, 12  sarà visitabile l’Opera Collettiva CHE CI FACCIO QUI?

Alle 18:00, un piccolo aperitivo di chiusura.

Aperta a tutta la cittadinanza.
Un’installazione interattiva per partecipare il contesto urbano.

Scopri di più

Alle 16:00, Presso il Centro Civico Mortise di Via Bajadi, 5 si terrà il WALK SHOW e l’INCONTRO PUBBLICO con Artisti, Partner e Collaboratori di restituzione del percorso dell’intero progetto ENTER Smart Humans – Gente Intelligente.

Scopri di più

I RADIO-WALK SHOW sono delle passeggiate con “Performing Media”: conversazioni nomadi caratterizzate dall’uso di smartphone e cuffie collegate ad una radio che permette di ascoltare le voci dei partecipanti assieme ad altri inserti audio e interventi in diretta.

Protagonisti dell’azione ludico-partecipativa sono gli spettatori-cittadini attivi che si mettono in gioco dentro un diverso percorso urbano da esplorare passeggiando. Una “palestra dello sguardo” per cogliere i dettagli del paesaggio che si attraversa, interpretarli e “apprendere dappertutto”.

Un’esperienza sia educativa che urbanistica di Cittadinanza Attiva, “Smart Comunity” e Resilienza Urbana: così l’intelligenza di una Comunità si mostra nella sua capacità di mettersi in gioco per interpretare le criticità e magari tradurle in opportunità.

Carlo Infante (Roma) è progettista culturale, docente di Performing Media, opinionista e fondatore di Urban Experience: un ambito di azione culturale per giocare le città, per reinventare lo spazio pubblico tra web e territorio.

È consigliata la prenotazione.

Per informazioni

Tam Teatromusica
049 654669 / 656692
Mail: info@tamteatromusica.it
Web: www.tamtetromusica.it

Rigenerazione urbana attraverso la cultura

rigenerazione_lab

Al via, mercoledì 11 novembre, il nuovo ciclo d’incontri “Rigenerazione urbana attraverso la cultura. Un laboratorio di pratiche, strategie e visioni”, un’iniziativa a cura dell’Ufficio Progetto Giovani dell’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Padova.

Gli incontri rappresentano l’occasione per aprire uno spazio di riflessione e confronto pubblico su temi ormai strategici per lo sviluppo dei nostri territori e hanno l’obbiettivo di formare un gruppo di lavoro in grado di monitorare queste dinamiche e di favorirne il consolidamento.

Il primo incontro si terrà mercoledì 11 novembre alle 18:00 presso l’Ufficio Progetto Giovani, al secondo piano del Centro Culturale Altinate San Gaetano, a Padova in via Altinate, 71.

Cominciamo con:

  • “Enter” – un progetto di formazione artistica collettiva. Un progetto di riqualificazione umana ancora prima che urbana. Padova, quartiere Mortise.
    Con Alessandro Martinello per Tam Teatromusica;
  • “La cultura alza le serrande” – percorso formativo sui temi della rigenerazione urbana, riuso temporaneo e pratiche artistiche site-specific e partecipative. Esplorazione e mappatura degli spazi abbandonati di Marostica, Marostica.
    Con Mirco Corato e Elisa Geremia, ideatori del progetto;
  • “Agorà” – la promozione culturale come attivatore sociale: progetto internazionale per costruire lo spazio pubblico contemporaneo.
    Con Simona Morini docente Master U-rise Università Iuav di Venezia.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani – area Creatività
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel. 049 8204795 | Fax 049 8204747
Mail: pg.creativita@comune.padova.it

Al via “ENTER – Smart Umanities”

enter_bando

ENTER Smart Humans – Gente Intelligente è un percorso di formazione e creazione artistica collettiva, un progetto di riqualificazione umana e urbana che intende inserirsi nel possibile sviluppo contemporaneo della città di Padova come Smart City, nelle sue declinazioni sociali, culturali e artistiche con l’obiettivo di creare un incubatore per nuove forme artistiche partecipative e interattive.

ENTER Smart Humans ha creatp un Gruppo Artistico eterogeneo formato dall’incontro di 4 Giovani Artisti o Creativi selezionati da un bando con i Giovani già parte gruppo organizzativo del progetto: Tam Teatromusica e Piano T.

Il gruppo avrà l’occasione di confrontarsi in primo luogo direttamente con i formatori, avendo con loro un incontro dedicato e successivamente assistendoli durante la formazione, ed in secondo luogo confrontarsi con un gruppo di cittadini che partecipano alle attività dei percorsi.

L’obiettivo del Gruppo Artistico sarà quello di creare autonomamente e collettivamente una o più opere artistiche che verranno presentate al pubblico all’interno o al termine dei percorsi.

L’Ufficio Progetto Giovani è partner del progetto.

Il programma

RADIO-WALK SHOW_ conversazioni nomadi
CORPOGIOCHI® OFF
MEDIAZIONE E FACILITAZIONE_Come abitare il litigio? Negarlo o gestirlo?
INCONTRO PUBBLICO E EVENTO ARTISTICO

Per informazioni

Tam Teatromusica
049 654669 / 656692
Mail: info@tamteatromusica.it
Web: www.tamtetromusica.it

Concorso – Arte in prospettiva

artein_prospettiva

Arte in prospettiva è un progetto promosso dal gruppo scout Neruda in collaborazione con Legambiente e con numerosi altri partner associativi e istituzionali e sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando Culturalmente 2014.

L’iniziativa è aperta a giovani creativi che vogliano ridisegnare gli spazi cittadini, in un percorso di confronto e di crescita con le associazioni e la comunità del territorio. I creativi selezionati prenderanno parte a workshop a cura di esperti: attraverso un affiancamento personalizzato di tutor e un confronto con la comunità, verranno definiti i luoghi da rigenerare nel territorio di Padova e di Rovigo, approfondendo le loro caratteristiche e le loro potenzialità, fino all’elaborazione grafica dello stimolo creativo da sottoporre all’attenzione della comunità.

Le idee progettuali potranno riguardare i luoghi nel loro complesso oppure soffermarsi su singole parti trasformando, anche provocatoriamente, il luogo in un’opera d’arte oppure inserendo al suo interno una singola installazione o una rivisitazione artistica di elementi di arredo urbano.

I partecipanti potranno essere singoli o gruppi: giovani, studenti, classi, associazioni o gruppi informali impegnati in percorsi d’arte, architettura o design, in forma strutturata o spontanea, e dovranno avere meno di 35 anni.

Sono previsti dei premi per le migliori idee progettuali selezionate dai promotori e dai partner del progetto: buoni acquisto per attrezzatura informatica, video o fotografica dal valore di 1.000, 600 e 400 .

I partecipanti verranno selezionati con l’obbiettivo di costituire una rappresentanza eterogenea del mondo creativo giovanile in base ad ambito artistico di provenienza (arte per studio, per professione, per hobby, …), curriculum e portfolio (stili, tecniche, esperienze pregresse, …), comprensione di motivazioni e obiettivi del progetto (attenzione alle dinamiche sociali e ambientali, individuazione di possibili luoghi di intervento, ispirazione creativa, … ).

Come partecipare

Per partecipare al progetto è necessario scrivere una mail all’indirizzo arteinprospettiva@gmail.com con:

  • breve curriculum;
  • breve portfolio di lavori realizzati;
  • breve motivazione sul perché si intende partecipare;
  • opzionale: ipotesi di luogo su cui si vorrebbe lavorare.

Per informazioni

Legambiente Padova 049.8561212
Legambiente Veneto 0425.27520
arteinprospettiva@gmail.com

Innesti Urbani

innestiurbani

Il 15 aprile 2015 inaugura innesti urbani, un progetto di riqualificazione dal basso mediante interventi artistici della zona compresa tra via San Francesco, via del Santo e via Santa Sofia.

L’evento inaugurale, alle 18:30 in via del Santo, vede diventare gli spazi sfitti dei civici 61 e 43 riattivatori di energie, ospitando i “lavori in corso” delle ricerce site-specific che gli artisti coinvolti compiranno a maggio lungo le vie, percorrendole da flâneur contemporanei.

Il progetto, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nellʼambito del bando Culturalmente, è realizzato a partire da unʼidea dellʼAssociazione Studenti Universitari insieme a Pulse, Legambiente, Officine Arte Teatro, cooperativa sociale Spazi Padovani, e la casa di produzione audiovisiva Elephant Road.

L’area Creatività dell’Ufficio Progetto Giovani promuove l’iniziativa nell’ambito delle attività di rigenerazione urbana. Oltre all’attivo appoggio dell’Ufficio Progetto Giovani dell’Assessorato alle Politiche Giovanili, il patrocinio da parte del Comune di Padova e dellʼUniversità di Padova a partire dal Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali.

Il progetto

Lʼarea intorno a via San Francesco risente, negli ultimi anni, di un progressivo svuotamento e spopolamento: la cessazione di molti esercizi commerciali ha lasciato una fila di vetrine vuote. Sebbene si tratti di un quartiere cardine per lo spostamento da e verso il centro storico, percorso da migliaia di cittadini, lavoratori, studenti e turisti, purtroppo la maggior parte di essi non dedica tempo o attenzione allʼarea, ormai considerata un mero corridoio di transito.

La perdita di attrattiva può potenzialmente portare degrado e spaccio, già rilevati dalla cronaca locale. La convinzione alla base dellʼintervento di ri-attivazione e riqualificazione urbana è che è proprio a partire dalla visione dei fruitori della zona che si possono rimettere in circolo processi virtuosi.

Le azioni

Le tre azioni cardine di innesti urbani mettono in pratica un modello di riqualificazione dal basso che intreccia allʼarte, strumento attrattivo e di ripensamento del territorio, lʼimprescindibile valorizzazione del ricco patrimonio esistente e una messa a valore
esemplarmente materiale dello spazio svuotato.

  • Azione di riscoperta: valorizzerà lʼesistente complesso di bellezze aristico-architettoniche rendendo lʼarea un museo a cielo aperto della storia urbana di Padova. ll settore Salvalarte di Legambiente, che già si occupa da anni di mantenere accessibili la Scuola della Carità e lʼOratorio di Santa Margherita, ha elaborato con consolidata competenza itinerari guidati per mettere a sistema i beni culturali della zona, con particolare attenzione a quelli perlopiù sconosciuti.
  • Azione di recupero: per stimolare un ripensamento del valore sociale ed economico degli spazi attualmente sfitti, saranno riaperti i negozi ai civici 61 e 43 di via del Santo, che costituiranno il fulcro operativo e la vetrina del progetto, ospitando varie attività artistiche e laboratoriali. Come già dimostrato dalle positive esperienze della Cooperativa Spazi
    Padovani, questo impiego degli sfitti li rende nuovamente attrattivi e ne stimola un veloce ricollocamento sul mercato, nella prospettiva di recare effetti simili anche agli esercizi limitrofi a quelli direttamente interessati, in un circolo virtuoso di rilancio economico dellʼarea.
  • Azione di riqualificazione: lʼazione principale di innesti urbani attiverà percorsi artistici di ricerca-azione, che, sfruttando le caratteristiche specifiche di alcune forme artistiche quali canali di ascolto ermeneutici, possono produrre un cambiamento nellʼuso e nellʼapproccio al luogo, facendone un nuovo nodo focale del centro cittadino.
    La riqualificazione si strutturerà in quattro differenti percorsi artistici: uno dedicato alle arti visive, curato da Caterina Benvegnù, uno musicale a cura di Pulse, uno teatrale a cura di Officine Arte Teatro, uno dedicato agli audiovisivi, realizzato da Elephant Road. I quattro percorsi avranno uno sviluppo proprio e svariate intersezioni in corso dʼopera, fino a culminare in un grande evento finale previsto per settembre 2015.
Il programma

Per informazioni

Innesti urbani
Mail: lineup.innestiurbani@gmail.com
Facebook: Innesti Urbani
Tel: 347 1320089 (rif. Marina Molinari)