Archivi tag: sociale

Scambio Erasmus+ in Croazia

Il Progetto Giovani Valdagno è alla ricerca di quattro partecipanti e un group leader per “Color Blind“, uno scambio giovanile finanziato dal programma europeo Erasmus+ riguardo l’inclusione sociale dal 3 al 11 luglio 2019 a Ludbreg (Croazia).

Lo scambio

I partecipanti hanno l’opportunità di imparare strumenti per combattere la discriminazione etnica e culturale nelle loro comunità locali attraverso strumenti di inclusione sociale (attività di team building, dibattiti, workshop, gruppi di riflessione, energizzatori e rompighiaccio, giochi, dialoghi interculturali e presentazioni nazionali, viaggi e caccia al tesoro). Attraverso tecniche di apprendimento non formale, vengono promossi i valori dell’Unione europea.

I costi di vitto e alloggio sono totalmente coperti dal progetto, mentre quelli di viaggio sono coperti fino ad un massimo di 275 euro.

Scarica il progetto completo

Come partecipare

Per partecipare alla selezione è necessario compilare il seguente modulo entro il 1 giugno 2019.

Per informazioni
Progetto Giovani Valdagno
Palazzo Festari, corso Italia 63, Valdagno
Tel.: 0445 405308
Mail: progettazione@studioprogetto.org

Volontariato internazionale con Lunaria

L’associazione Lunaria organizza ogni anno campi di volontariato internazionale, un modo originale per sfidare gli stereotipi, essere cittadini attivi e acquisire competenze sociali, comunicative e interpersonali. Le iscrizioni per l’estate 2018 sono ancora aperte, con la possibilità di scegliere tra 1000 progetti disponibili in tutto il mondo.

Per Lunaria i campi di volontariato sono una risposta al razzismo, alla paura del diverso e al disimpegno.

Per iscriversi occorre seguire la procedura online sul sito dell’associazione. Lo staff di Lunaria è a disposizione per dare consigli e guidare alla scelta tra i tantissimi progetti ancora disponibili.

I progetti

Per informazioni
Lunaria
Tel.: 06 8841880
Mail: workcamps@lunaria.org

Campi di lavoro nel sud della Francia

La APARE-CME (Association pour la Participation et l’Action Régionale – Centre Méditerranéen pour l’Environnement) è un’organizzazione che lavora da più di trent’anni a sostegno e salvaguardia del patrimonio naturale della Provenza e del bacino mediterraneo.

I progetti

L’associazione offre la possibilità di partecipare a campi di lavoro nel periodo estivo della durata di 2 o 3 settimane, durante le quali i volontari possono prendere parte attivamente a azioni di salvaguardia del territorio francese.

L’associazione opera in diverse aree di intervento: Act for the Heritage, Act for the Environment, Act in front of Natural Risks, Act on the International Stage.

I progetti per il periodo estivo 2019 a cui è ancora possibile candidarsi sono i seguenti:

Per informazioni
Union APARE-CME
25, Bd Paul Pons – 84800 L’Isle sur la Sorgue
Tel: +33 (0)4 90 85 51 15
Fax: +33 (0)4 90 86 82 19
Mail: contact@apare-cme.eu

Campi di lavoro con Agape

Agape Centro Ecumenico è un progetto nato dalle idee del pastore valdese Tullio Vinay e ha come obiettivo principale quello di essere un luogo di incontro. Tutte le attività del centro si basano sulla vita comunitaria e sul lavoro volontario.

I campi di lavoro

Ogni anno Agape offre la possibilità di prendere parte a campi di lavoro che affrontano vari temi, legati all’attualità politica e sociale, alle questioni di genere, alla spiritualità, al dibattito teologico, alla formazione.

I campi di Agape si svolgono nel comune di Prali (TO) e hanno una durata variabile, da un solo fine settimana fino a un massimo di dieci giorni. Le proposte si suddividono in tre grandi filoni tematici: i campi per minori, i campi di genere e i campi internazionali.

Ogni anno viene affrontato un tema di attualità diverso attraverso vari strumenti: attività di educazione non formale, dibattiti, discussioni in plenaria, interventi di esperti, laboratori, giochi di simulazione e altro.

Per informazioni
Agape Centro Ecumenico
Borgata Agape, 1 – 10060 Prali (TO)
Tel.: +39 0121-807514
Fax.: +39 0121 807690
Mail: campolavoro@agapecentroecumenico.org

Campi di volontariato per minorenni e maggiorenni

L’Associazione InformaGiovani della città di Palermo è l’ente di coordinamento di un network europeo per il volontariato sociale che conta 23 membri in 21 paesi dell’Unione Europea e partner stabili in diversi paesi extra-europei tra cui Kenya, Tanzania, Vietnam, Hong-Kong, Nepal, Palestina, Sri Lanka, Tunisia.

I campi di volontariato

L’associazione ha l’obiettivo di tutelare i diritti civili, con particolare riferimento ai diritti dei minori e dei  giovani, promuovere la partecipazione dei giovani a attività di volontariato locale e internazionale come strumento di azione ed inclusione  sociale.

L’Associazione InformaGiovani ha stretto accordi di collaborazione bilaterale per l’invio e l’accoglienza di volontari con oltre 100 organizzazioni di 55 paesi in tutti i continenti. I campi si svolgono tutto l’anno, ma circa l’85% è concentrato nel periodo tra metà aprile e metà settembre e accolgono volontari sia maggiorenni che minorenni.

Database campi di volontariato

Per informazioni
InformaGiovani Palermo
Via Sampolo, 42  Palermo
Tel.: 393 9629434
Mail: info@campidivolontariato.net

Volontariato (ex SVE) in ambito sociale in Germania

ZirkuTopia, insieme all’ufficio per le politiche giovanili del Comune di Kassel, partner storico di Progetto Giovani, è alla ricerca di un volontario da coinvolgere nel progetto “Circus and international youth work“.

Dove: Kassel, Germania
Quando: settembre/ottobre 2019 per 9 – 12 mesi
Scadenza: 17 giugno 2019

Il progetto

Il progetto è costituito da due attività principali:

  • all’interno di ZirkuTopia, un circo che offre opportunità integrative di educazione e tempo libero per bambini e giovani provenienti da diversi background socio-culturali e talvolta con disabilità, con l’obiettivo di promuovere il talento e l’inclusione sociale;
  • all’interno dell’ufficio per le politiche giovanili nella promozione della mobilità internazionale giovanile e nell’organizzazione di seminari informativi per i giovani del territorio.

Il circo – ZirkuTopia

Attivo dal 1992, ZirkuTopia è un circo molto particolare che realizza attività e spettacoli insieme ai bambini e ai giovani del territorio di Kassel, includendo persone con disabilità e di diversa provenienza socio-culturale. L’obiettivo di queste attività è quello di lavorare sul talento dei giovani, e non sui loro deficit, dando loro la possibilità di esprimersi e di sentirsi pienamente integrati. Le attività sono guidate da psicologi sociali, artisti ed educatori.

L’ufficio “Jugendbildungswerk”

All’interno del Comune di Kassel è attivo un ufficio per i giovani del territorio (età 13-27 anni), il “Jugendbildungswerk”, che si occupa di fornire informazioni su opportunità di formazione, mobilità internazionale, volontariato, ecc. L’ufficio è anche parte della rete Eurodesk.

Come candidarsi

Per presentare domanda per questo progetto è necessario seguire alcuni step:

  1. registrarsi su Europea Solidarity Corps e creare il proprio profilo;
  2. inviare una email a evs@comune.padova.it allegando curriculum vitae e lettera motivazionale, indicando come oggetto della mail “Application Zirkutopia”.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Spazio Europa
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204722
Mail: evs@comune.padova.it

FERMENTI – bando per gruppi informali e associazioni

La Presidenza del Consiglio dei Ministri, attraverso il Dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio Civile Universale, apre il bando FERMENTI, finalizzato a favorire idee, progetti ed iniziative che siano in grado di stimolare l’attenzione dei giovani alle sfide sociali, alle problematiche di genere e alla cittadinanza attiva.

Il bando

Il bando offre un sostegno tecnico e finanziario alle iniziative progettuali, a carattere locale e/o nazionale, dei giovani, finalizzate ad esplorare le sfide sociali considerate fondamentali per i giovani e che forniscano possibili soluzioni ai problemi e alle priorità comuni che impattano sulla comunità di riferimento.

Il bando finanzia proposte progettuali e progetti esecutivi volti ad affrontare una o più delle seguenti sfide sociali:

  • uguaglianza per tutti i generi;
  • inclusione e partecipazione;
  • formazione e cultura;
  • spazi, ambiente e territorio;
  • autonomia, welfare, benessere e salute.

Per essere considerate ammissibili, le proposte progettuali devono:

  • prevedere azioni coerenti con almeno una delle sfide sociali previste dal bando;
  • prevedere l’impiego, in termini di risorse umane, di giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni nella misura di almeno il 70% delle professionalità individuate;
  • proporre – nel caso in cui sia previsto l’utilizzo di beni mobili e/o immobili – solo beni idonei all’attività prevista e in regola con la vigente normativa in materia.
Scarica il bando riassuntivo

Il bando completo di tutti gli allegati è consultabile sul sito dell’iniziativa.

Come partecipare

Le domande di partecipazione al Bando possono essere presentate da:

a) Gruppi informali – ovvero gruppi composti da almeno tre, e fino a un massimo di cinque, soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni, in possesso dei necessari requisiti (indicati nel bando);

b) Associazioni Temporanee di Scopo (ATS) – tra soggetti qualificati come enti del Terzo settore, costituite da un massimo di 3 enti (incluso il Capofila), i cui organi direttivi siano costituiti per la maggioranza da giovani tra i 18 e i 35 anni, in possesso dei necessari requisiti (indicati nel bando).

La domanda potrà essere presentata esclusivamente inviando la documentazione via PEC all’indirizzo giovanieserviziocivile@pec.governo.it. La documentazione da allegare è la seguente:

  • allegato 6 “Domanda di partecipazione”;
  • allegato 12 “Domanda di finanziamento ex Gruppi informali”;
  • allegato 13 “Scheda di proposta progettuale”;
  • allegato 14 “Piano finanziario”;
  • [nel caso in cui la proposta progettuale preveda l’utilizzo di un bene di proprietà di terzi] allegato 15 “Dichiarazione disponibilità bene immobile”.

Tutti gli allegati sono scaricabili dalla sezione dedicata del sito dell’iniziativa.

L’oggetto della PEC dovrà essere indicato nel seguente modo: BF2019 – DENOMINAZIONE DEL SOGGETTO PROPONENTE – Gruppo informale.

Tutti i documenti allegati alla PEC dovranno essere in formato PDF e dovranno essere firmati digitalmente da tutti i componenti del gruppo informale. La dimensione massima consentita del messaggio PEC, comprensivo degli allegati, non può superare i 30 Mb.

Le candidature devono essere consegnate inderogabilmente entro e non oltre le 14:00 del 3 giugno 2019.

Per informazioni
Sportello informazioni FERMENTI
Mail: fermenti@campanianewsteel.it 
Tel.: 800.300.081

Volontariato (ex SVE) in ambito sociale in Austria

Jugendzentrum Oberndorf cerca 1 volontario per il progetto in ambito socialeVolunteering at Youth centre Oberndorf” a Oberndorf, in Austria.

Dove: Oberndorf, Austria
Quando: 01 ottobre 2019 al 31 luglio 2020
Scadenza: 30 aprile 2019

Il progetto

Il centro giovanile di Oberndorf è stato fondato nel 1999 ed è il principale centro di aggregazione della città. Il centro è frequentato da un target di età che varia tra i 12 e i 18 anni.

Attività del volontario

  • supporto agli operatori nella gestione del centro giovanile;
  • favorire l’integrazione e la partecipazione al centro anche di giovani svantaggiati (giovani con disabilità e svantaggi sociali, migranti);
  • supporto all’organizzazione degli eventi del centro;
  • promozione del centro.

Requisiti

  • conoscenza della lingua inglese di livello medio;
  • capacità di lavorare in autonomia;
  • motivazione ed entusiasmo;
  • capacità di gestire proprie iniziative;
  • flessibilità oraria.

Come candidarsi

Per presentare domanda per questo progetto è necessario seguire alcuni step:

  1. Inviare CV e lettera motivazionale a info@juz-oberndorf.at con oggetto della mail: Volunteering at JUZ Oberndorf (specificando nella lettera motivazionale le proprie aspettative e i propri obiettivi);
  2. registrarsi su European Solidarity Corps e creare il proprio profilo;
  3. accedere al link , cliccare sul tasto “APPLY”;
  4. inviare una mail a evs@comune.padova.it indicando il proprio “reference number” (presente nel proprio profilo European Solidarity Corps, individuabile sopra il proprio nome) e il progetto per il quale ci si è candidati.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani – area Spazio Europa
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.: 049 8204722
Mail: evs@comune.padova.it

Volontariato (ex SVE) in Portogallo in ambito sociale

MOJU – Associação Movimento Juvenil em Olhão cerca un volontario per un progetto del Corpo Europeo di Solidarietà dal titolo “ VESSEL – Volunteering for Solidarity, Social Engagement and Learning“.

Dove: Olhão, Portugal
Quando: dal 1 aprile 2019 al 31 marzo 2020
Scadenza: 20 marzo 2019

Il progetto

MOJU è un’associazione giovanile di portata locale ma con attività a livello regionale e internazionale che coinvolge anche un’Organizzazione di accoglienza (Portogallo) e tre organizzazioni di invio di diversi paesi.

Si occupa di politiche giovanili e attività culturali per i giovani. Questo progetto permette di seguire l’ente nella costruzione e implementazione delle relazioni tra le organizzazioni partner, oltre che a sperimentare nuove esperienze e acquisire nuove conoscenze sui modi di vivere e la cultura locale.

Attività del volontario

  • partecipare alle attività dell’ente;
  • cooperare con gli altri volontari;

Requisiti

  • interesse a lavorare con bambini e giovani con minori opportunità ed a rischio di esclusione, poiché questi saranno l’obiettivo principale delle attività proposte;
  • buone capacità di ascolto e di comprensione;
  • flessibilità, adattabilità ed entusiasmo;

Come candidarsi

In seguito ad alcuni cambiamenti nelle modalità di candidatura per i progetti di volontariato europeo, per presentare domanda per questo progetto è necessario seguire alcuni step:

L’iscrizione a “European Solidarity Corps” è necessaria per poter visualizzare la descrizione dei progetti e per presentare candidatura. La registrazione è completamente gratuita e non comporta nessun tipo di impegno.

Beatrice Masini – Più grande la paura

Venerdì 8 marzo alle 18:00, l’ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova ospita Beatrice Masini in sala Rossini del Caffè Pedrocchi, per la presentazione del suo ultimo libro, “Più grande la paura” (Marsilio).

Introduce l’incontro Luciana Sergiacomi, avvocato per la famiglia e i minori. Con l’autrice dialoga Barbara Segatto, professore associato di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università di Padova.

L’appuntamento è realizzato in collaborazione con La Fiera delle Parole.

Il libro

Protagonisti di queste storie sono i bambini. Bambini felici e bambini che non lo sono stati, abusati dagli adulti per troppo amore, come la piccola figlia di Byron, o per troppo odio, come i bambini rapiti, gli scomparsi, gli interrotti. Stanno in queste pagine bambini coraggiosi, che evocano mostri come lo Striglio per combattere ingiustizie, e bambine immaginifiche che hanno tanto letto da poter domare “Le tigri di Mompracem” e trascorrere il pomeriggio con Heathcliff a “Cime tempestose”.

C’è una bambina che accompagna il padre al mare e lo vede illuminarsi per l’incontro con una donna che è un suo vecchio amore. E una madre che si arrende al figlio che cresce e non vuole più essere baciato perché tutto, in fondo, comincia sempre con la fine dei baci. C’è un altro bambino, già quasi un ragazzo, che è l’unico che sa arrampicarsi su uno scoglio e da quello, in mezzo al mare, come su un solitario cammello nel deserto, vede allontanarsi la ragazza che gli piaceva, e gli piaceva perché lei, l’unica, non temeva vespe, formiche e bombi, e questo coraggio li univa come l’amore.

Ci siamo noi in queste pagine, piccoli piccoli, fragili e fortissimi, in bilico tra la memoria di ciò che siamo stati, la nostalgia di ciò che avremmo potuto essere, e la tenerezza per ciò che siamo.

Beatrice Masini – funambolo serio e scanzonato, dolce e feroce, in bilico, come l’infanzia – ci racconta un mondo, il nostro, prima che l’età adulta lo spiegasse con mezze voci, mezze stagioni e religioni che prevedono confessione. In questi racconti c’è l’infanzia per la quale la vita è un’avventura che non deve per forza finire bene o un viaggio che non sempre contempla il ritorno. Ci sono fuoco, acqua, vento e aria. E c’è tutto quel tempo che, da bambini, ci insegna a sentirci immortali fino a prova contraria.

Gli ospiti

Beatrice Masini

Beatrice Masini è autrice di opere per l’infanzia e stimata traduttrice (tra gli altri, si è occupata della traduzione di diversi volumi della serie di Harry Potter di J.K. Rowling). Nel 2010, il suo romanzo “Bambini nel bosco” (Fanucci) è stato finalista al Premio Strega, mentre con il romanzo “Tentativi di botanica degli affetti” (Bompiani) ha vinto il Premio Selezione Campiello 2013. Le sue opere sono state tradotte in quindici paesi. Per cinque volte si è aggiudicata il Premio Andersen – Il mondo dell’infanzia, sia come autrice che come traduttrice. Dal 2015 è direttore editoriale di Bompiani.

Barbara Segatto

Barbara Segatto è professore associato di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università di Padova. È presidente del Corso di Laurea triennale in Servizio sociale dove insegna Sociologia della famiglia e dell’infanzia. Nelle sue ricerche si occupa della trasformazione della famiglia, con particolare attenzione alla genitorialità biologica e sociale e delle pratiche di lavoro sociale per la promozione del benessere delle famiglie e dei minori. Tra le altre ricerche da lei realizzate, citiamo il recente progetto di ricerca azione denominato “Principi Principesse Re e Regine” finalizzato alla promozione dell’educazione alle pari opportunità nella scuola dell’infanzia.

Luciana Sergiacomi

Luciana Sergiacomi, avvocato per la famiglia ed i minori, è vicepresidente Unione Nazionale Camere Minorili e membro della Commissione Pari Opportunità del Comune di Padova e della Regione Veneto.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35141 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it